Igea Virtus, Cannavò avverte il Troina: “Non vogliamo fermarci”

Cannavò e compagni esultano dopo un gol dell'Igea Virtus

I numeri di questa Igea Virtus fanno davvero impressione: 11 reti messe a segno nelle ultime 3 gare vinte senza subire gol. La compagine del Longano è una macchina perfetta, in cui tutti sanno quello che devono fare senza lasciare nulla al caso, giocando bene ma senza tralasciare il cinismo negli ultimi 16 metri, caratteristica fondamentale per chi ha ambizioni di promozione.

Festa Igea Virtus

E’ festa per l’Igea Virtus

Il doppio 5-0 inflitto a Modica ed Atletico Catania rappresentano il culmine di una stagione in cui Antonio Cannavò e compagni si sono sempre disimpegnati con successo, dimostrando che non a caso i giallorossi sono tra i favoriti del torneo: “Credo che se adesso stiamo bene il merito è di tutti, questi risultati partono da lontano – ha dichiarato Cannavò – mi dispiace se ogni tanto leggo che nel nostro inizio di campionato abbiamo avuto qualche intoppo perchè non ritengo che sia stato così. Abbiamo perso immeritatamente una partita strana contro lo Sporting Taormina alla seconda giornata e la settimana dopo abbiamo “rischiato” di vincere in casa contro l’Acireale che è una grande squadra. Noi sin qui abbiamo sempre giocato bene, pur avendo fuori giocatori del calibro di Filippo Crinò e Giovanni Biondo. La nostra squadra, seppur giovane, è di assoluto valore”.

L'abbraccio tra i giocatori dell'Igea Virtus

L’abbraccio tra i giocatori dell’Igea Virtus

Il campionato, però, sta iniziando a delinearsi, con la Sicula Leonzio che con il colpaccio di Troina ha dato il segnale più eloquente: “E’ davvero una grande squadra – ha sottolineato Cannavò – vincere a Troina per giunta in inferiorità numerica credo che la dica lunga sul potenziale di questa squadra, che sta dimostrando di non essere casualmente al primo posto. Mi ha sorpreso in positivo il pareggio dello Sporting Taormina, sinceramente credevo che l’Acireale sfruttasse questa occasione, mentre non mi sorprende il campionato del Rocca di Caprileone. Da ex conosco bene quell’ambiente inoltre hanno giocatori davvero forti come Biondo e Lucarelli. Sarà un campionato avvincente fino alla fine”.

Il tecnico dell'Igea Virtus Raffaele

Il tecnico dell’Igea Virtus Raffaele

Adesso ci sarà un vero tour de force a partire dalla sfide interna contro un ferito Troina: “Sono una squadra molto solida e pericolosa, il fatto di aver perso l’ultima gara non vuol dire assolutamente nulla, però noi siamo in un ottimo momento e non vogliamo fermarci proprio ora. Ottenere un’altra vittoria e staccare il Troina sarebbe fondamentale. Raffaele? Un grande mister, la sua presenza è una marcia in più per noi”.

Commenta su Facebook

commenti