Grassadonia: “Ho visto una reazione. Il pari sarebbe stato più giusto”

Grande accoglienza per Grassadonia, un indimenticato ex

Ritorno a Pagani amaro per Gianluca Grassadonia. Al “Marcello Torre” è maturata per il Messina la seconda sconfitta consecutiva. In sala stampa il tecnico giallorosso ha analizzato così la sfida contro la formazione di Cuoghi: “E’ stata una gara nervosa su ambo i fronti, come ce l’aspettavamo. La posta in palio era alta, perchè loro venivano da tre sconfitte di fila e noi da un ko pesante. I miei hanno fatto la partita che volevo. Mi interessava però una reazione da parte della squadra dopo la debacle con il Matera e l’ho vista. A decidere è stato un calcio piazzato, ma ai miei non posso davvero rimproverare nulla. La Paganese è stata volitiva come noi che abbiamo avuto qualche buona occasione in entrambi i tempi. Dispiace che nella ripresa Nigro non abbia controllato bene quella palla solo davanti al portiere. Dobbiamo guardare avanti e continuare a lavorare”.

Ritorno amaro a Pagani per Grassadonia, ex al pari di Enrico Pepe, Orlando e Nigro

Ritorno amaro a Pagani per Grassadonia, ex al pari di Enrico Pepe, Orlando e Nigro

Domenica la sfida con la Casertana, altra sua ex squadra, obbligatorio invertire la rotta: “Giocando ogni tre giorni dovevo attuare un mini-turn over. Chi è sceso in campo si è fatto trovare pronto. Adesso, dopo due sconfitte di fila, abbiamo il dovere di far risultato domenica contro la Casertana. La nostra è una squadra molto giovane, con tanti esordienti o quasi nella categoria. Dobbiamo recuperare giocatori importanti, ma occorre fare questo tipo di partite, con più lucidità. Non ritengo giusto il risultato, sarebbe stato più equo un pareggio”.

A Pagani ha ottenuto una promozione nel 2012 e conserva grandi ricordi del club azzurrostellato: “E’ stata una bella sensazione tornare qui, dove ho ritrovato tanti amici. Con la società ho sempre mantenuto un ottimo rapporto. E’ stata una pagina importante della mia carriera che ricordo sempre con piacere”.

 

Commenta su Facebook

commenti