Gli alunni del “Verona Trento” rappresenteranno L’Italia al MIT di Boston

Il Team "Wall-E 2.0"

10 fantastici ragazzi capitanati da due professori d’eccellenza rappresenteranno la città in riva allo stretto, ma soprattutto l’Italia, alla finale della competizione internazionale “Zero Robotics High School Tornament 2014”, organizzata dal Massachussetts Institute of Technology (MIT), NASA ed ESA e che si svolgerà il 16 gennaio. Gli alunni in questione appartengono al team “Wall-E 2.0” e sono studenti dell’Istituto Tecnico Industriale “Verona-Trento” di Messina, scuola che negli anni si è sempre distinta per la formazione degli allievi.

Il Logo "Zero Robotics"

Il Logo “Zero Robotics”

Il team è composto dagli allievi Giorgio Nocera, Pietro La Spada, Salvatore Doddis, Giovanni Lonia, Christian Neto, Alessio Iannello, Omar Shatani, Mattia Alfonso, Francesco Castorina e Davide Ventaglio. A dirigere questi ragazzi sono la prof.ssa Eliana Bottari ed il prof. Giovanni Rizzo. “Wall-E 2.0” ha staccato il biglietto per gli USA dopo aver superato le varie fasi ad eliminazione diretta composta da oltre 180 squadre provenienti da tutta Europa, Stati Uniti, Messico e Russia e si è classificato al decimo posto assoluto ed al quinto del girone di appartenenza. Lo scopo del torneo è la programmazione di micro satelliti spaziali chiamati Spheres (Synchronized Position Hold Engage and Reorient Experimental Satellites) che si muoveranno all’interno della Stazione Spaziale Internazionale (SSI) orbitale. Gli Spheres sono satelliti artificiali simil-sferici (in realtà di 18 facce) ralizzati dal MIT. Onore e merito dunque ai nostri ragazzi che, con il loro talento, dimostraranno l’eccellenza del nostro paese e saranno il fiore all’occhiello dell’istruzione della nostra città.

Commenta su Facebook

commenti