Gescal, La Rocca: “Ora stiamo bene, con l’Aci S. Antonio per fare punti”

Fabio La RoccaFabio La Rocca con la maglia del Gescal

Il rotondo 4-1 inferto al Villaggio Sant’Agata fanalino di coda ha confermato il buon stato di forma di un Gescal che adesso può pensare al futuro con ritrovata serenità. In un mese di febbraio assolutamente positivo, la squadra di Gaetano Di Maria ha ottenuto 7 punti nelle ultime tre gare, frutto delle vittorie con Palagonia e, appunto, Villaggio Sant’Agata, e il pareggio di Misterbianco. Tanto fieno in cascina per i messinesi, che ora possono guardare la zona playout forti dei 4 punti di vantaggio sulle dirette inseguitrici.

Per Fabio La Rocca, però, il Gescal non deve abbassare la guardia, il campionato è ancora lungo e ricco di insidie: “E’ vero, siamo in un buon momento – ha dichiarato l’attaccante – stiamo giocando bene e fisicamente stiamo meglio. La vittoria contro il Villaggio Sant’Agata ci ha dato fiducia. Sapevamo che in queste tre gare potevamo e dovevamo fare punti, ma non dobbiamo affatto rilassarci perché non abbiamo vinto nulla e non abbiamo raggiunto nessun obiettivo. Ci sono ancora molte partite da giocare, molte di queste sono scontri diretti, in palio ci sono sempre punti pesanti, quindi non dobbiamo rilassarci”.

Fabio La Rocca del Gescal

Questo Gescal adesso è pronto alla sfida in casa della capolista Aci Sant’Antonio, gara dal pronostico apparentemente segnato, ma per La Rocca i neroverdi devono giocare senza troppe preoccupazioni: “Non c’è dubbio che questo sia il momento ideale per affrontarli. Ultimamente hanno avuto qualche calo fisiologico, ma stanno facendo un campionato straordinario. Noi dobbiamo andare lì a fare la nostra partita, per giocare una gara sbarazzina, non abbiamo nulla da perdere. Sappiamo che possiamo giocarcela e metterli in difficoltà”.

Per La Rocca, il Gescal è cresciuto fisicamente, come testimoniano anche gli 8 gol nelle ultime tre uscite, ma anche nelle convinzioni: “Il mister ce lo ha sempre detto – ha continuato La Rocca – che il reale valore di questa squadra si sarebbe visto nel girone di ritorno. Abbiamo lavorato duramente nel corso della stagione per arrivare in questo periodo in buone condizioni fisiche e ci siamo riusciti. La squadra è cresciuta, forse all’inizio abbiamo pagato dazio perché siamo una formazione molto giovane, ma adesso anche i giocatori meno esperti sono cresciuti sia fisicamente che mentalmente. Valiamo la classifica che abbiamo? Sostanzialmente credo di sì, però ho comunque il rammarico per alcuni punti persi all’inizio della stagione quando ancora dovevamo trovare la giusta dimensione di squadra. In questa categoria l’esperienza è fondamentale e noi ad inizio campionato abbiamo pagato questo fattore”.

RESTA SEMPRE AGGIORNATO

MessinaSportiva