Ganzirri, si pensa al futuro. Famà: “Stagione positiva nonostante il calo finale”

Per l’ASP Ganzirri è stata l’annata della ricostruzione. Dopo il biennio trascorso in Serie A, il sodalizio dei laghi è ripartito dalla C regionale con un nuovo assetto. Obiettivo primario porre le basi per un futuro roseo, puntando alla valorizzazione delle giovani in organico. Il presidente Nicola Famà traccia un bilancio della stagione appena conclusa, che ha visto le gialloblù mancare di un soffio i playoff, sfumati proprio all’ultima giornata. “Dal punto di vista sportivo non abbiamo raggiunto il traguardo sperato. Purtroppo hanno inciso oltremodo le sconfitte iniziali, dipese da una rosa non al completo. Reintegrate Maria Famà e Angela Furnari e tornate disponibili dopo gli infortuni Giusy Cucinotta e Ketty Talamo, nel girone di ritorno abbiamo invece recuperato terreno, insidiando le prime della classe. Dopo il derby vinto con l’Atene, però, si è un po’ spenta la luce e le ragazze hanno accusato un calo soprattutto psicofisico. Pareggi e sconfitte nel finale di torneo hanno inevitabilmente condizionato il nostro cammino e dunque la posizione in classifica”.

Una formazione del Ganzirri

Una formazione del Ganzirri

L’analisi di Famà si sposta quindi a più ampio raggio. “Tutto sommato resta un campionato positivo, nel quale abbiamo valorizzato diverse ragazze, da Rachele Fedele, entrata nel giro della Rappresentativa, a Ylenia Luttino e Adriana Ansaldo. Il quarto posto è comunque da ritenersi un buon piazzamento. Inoltre va lodata la grande disponibilità manifestata dallo zoccolo duro delle giocatrici alla rifondazione dopo le due stagioni vissute in Serie A”.

Quali le prospettive in casa Ganzirri ? “Adesso bisognerà confrontarsi in Associazione per capire quali siano le volontà per il futuro. La mia e quella del gruppo è di proseguire, ricostruendo lo staff tecnico e puntando su un gruppo solido di collaboratori che sostengano la squadra. Con queste condizioni, economiche e organizzative, ci presenteremmo al prossimo campionato vogliosi di far bene, forti di un organico che è cresciuto e continuerà ad ampliarsi”. Terminata l’esperienza da allenatore della squadra dei laghi di Massimiliano Drago, ora si cerca un volto nuovo per la panchina: tra le varie ipotesi al vaglio, però, anche un possibile ritorno dell’ex storico tecnico, ora presidente, Nicola Famà.

 

Commenta su Facebook

commenti