Freschezza ed atleticità per Torrenova: ecco Davide Drigo

Davide DrigoDavide Drigo - Torrenova

La Cestistica Torrenovese ha comunicato con soddisfazione la firma di Davide Drigo, ala nata a Palermo il 31 agosto 1999. 206 cm per 87 kg, Drigo è un giocatore che può aprire il campo grazie alla sua pericolosità lontano dal ferro ed una buona capacità di attaccare il ferro in palleggio giocando uno contro uno anche fronte a canestro.

Davide Drigo

Davide Drigo

Nonostante la sua giovanissima età, Drigo ha alle spalle preziose esperienze in carriera. Cresciuto nelle giovanili della Stella Azzurra Roma, con cui ha disputato l’Under 18 Eccellenza a cui già nel 2015/2016 – all’età di 16 anni – ha aggiunto 4 apparizioni in Serie B contro Viterbo, Palestrina, Fondi e Venafro, la giovane ala ha poi proseguito la sua avventura a Ferrara, disputando con eccellenti risultati il campionato DNG con la maglia della Vis 2008. Nel 2017/2018 passa poi al “Kleb” con cui colleziona anche due presenze in Serie A2 contro Jesi e Piacenza. La scorsa stagione la inizia a Monteroni, C Gold Pugliese, realizzando 6.5 punti e catturando 4 rimbalzi per gara, poi chiude a Bisceglie, B Nazionale, dove disputa i playoff.

«Siamo orgogliosi che un giovane talento come Drigo abbia scelto di giocare con Torrenova» afferma il presidente Natoli. «La sua scelta è importante perché simboleggia perfettamente la progettualità che il club vuole avere nel corso degli anni. Oltre a questo firmiamo un giocatore talentuoso in grado di ricoprire almeno 2 ruoli – questo darà l’opportunità a coach Silva di avere più armi e, come lo scorso anno, far vedere una pallacanestro piacevole che faccia divertire i tifosi» conclude il numero 1 della società di Via Pertini.

Soddisfazione anche nelle parole di Davide Drigo: «Sono molto carico per questa nuova avventura, sono certo che Torrenova sia la piazza giusta per la mia crescita personale. Voglio dare il miglior apporto possibile alla squadra per riuscire a toglierci qualche soddisfazione. Non vedo l’ora di cominciare».

Commenta su Facebook

commenti