Fp Sport Messina: connubio vincente con Unicef ed Ali di Cristallo

Fp Sport-Unicef

Una serata che si farà ricordare a lungo quella svoltasi al Teatro Vittorio Emanuele e che ha visto protagonisti non solo delle associazioni importanti come Unicef ed Ali di cristallo ma anche una società rappresentativa della nostra città come l’FP Sport Messina. Tutti insieme per aiutare il prossimo e capire, grazie anche ai motivati bambini della Scuola Cesare Battisti, ben coadiuvati dalle loro insegnati, che la vera problematica è non avere paura dell’autismo e superarlo con la conoscenza mirata del problema. Serata di beneficenza, serata di sorrisi, è questo quello che lo sport dovrebbe riuscire a trasmettere in una città che ha vissuto tante vittorie e purtroppo altrettante sconfitte.
L’Fp Sport Messina è una società che sta iniziando a crescere passo dopo passo, il presidente nonchè fondatore e coach della prima squadra (militante in C Silver) Francesco Paladina ha analizzato questa bellissima serata: “Credo che lo sport sia un’ arma fondamentale per l’integrazione e soprattutto per la crescita di chiunque, lavorare fianco a fianco a queste grandi associazione riempie di gioia me, la mia famiglia e la mia società. Portiamo il nostro piccolo contributo con amore e passione perché sappiamo cosa voglia dire lavorare con i ragazzi ogni giorno ed ogni minuto per regalare a loro un sogno, una magia che purtroppo anche dopo gli ultimi fatti accaduti, vedono sempre più lontano. Questo è il nostro compito, aiutare questi ragazzi a sognare.

I ragazzi dell'Fp Sport impegnati nella serata benefica al teatro Vittorio Emenule

I ragazzi dell’Fp Sport impegnati nella serata benefica al teatro Vittorio Emenule

Come ho sempre ritenuto, una società che si rispetti per portare in alto il nome della propria città deve lavorare nel sociale, essendo sempre presente per dare speranza e gioia. Abbiamo vissuto il grande sport a Messina ed abbiamo avuto la fortuna di vedere al San Filippo grandi giocatori che giravano per la città e trasmettevano speranza ed incoraggiavano i nostri bambini a seguire le loro orme, giocatori del calibro di Abram, Oliver, Li Vecchi, Busca, Grappasonni, Fajardo, Barry e molti altri campioni nella vita che sono passati da questa città. Ora tocca a noi il compito di ricostruire il tutto passo dopo passo come la tecnica del carciofo, una foglia alla volta prima di arrivare al Cuore.
Ringrazio l’organizzazione di questa bellissima serata, ringrazio Unicef ed Ali di Cristallo che ci hanno dato la possibilità di portare il nostro piccolissimo contributo che spero diventi sempre più grande con la crescita della nostra società che è un bene della città”.

Commenta su Facebook

commenti