Fa festa il Circoletto dei Laghi neo campione siciliano a squadre under 16

Le squadre under 16 di Leonforte e Circoletto dei laghi Under 16Le squadre under 16 di Leonforte e Circoletto dei laghi

Il Circoletto dei Laghi rispetta i pronostici della vigilia aggiudicandosi il titolo siciliano Under 16 a squadre. Una finale a tre quella andata in scena sui campi del circolo messinese dopo la rinuncia del Ct Le Rocce. A contendersi lo scettro oltre ai padroni di casa, lo Junior Aci Castello e Tennis Club Leonforte ammesso direttamente in finale.

Si è disputata regolarmente la semifinale della parte bassa del tabellone che ha visto il Circoletto dei Laghi spuntarla sullo Junior Aci Castello per 2 a 0, grazie ai successi di Fabrizio Andaloro su Giuffrida con un duplice 6-1 e di Gabriele Bombara che concede soltanto quattro giochi a Costa (6-2 6-2 lo score finale dei set).

In finale, le racchette del Circoletto incrociano il Tennis Club Leonforte che può contare sul 3.1 Omar Di Stefano ed il 3.2 Nicolò Vanadia con capitano Federico Dottore. Un compito non privo di insidie attende Gabriele Bombara chiamato ad affrontare Vanadia. Il giovane tennista messinese si aggiudica il primo set 6 a 3, nel secondo incontra qualche difficoltà in più e deve annullare la palla del 5-4 per il suo avversario per poi chiudere al decimo gioco (6-4).

Avvio in salita per Fabrizio Andaloro nel campo rosso dove si ritrova sotto 2 a 5 ma con un parziale di 5 giochi consecutivi si aggiudica il primo set (7-5). Di Stefano si dimostra un avversario solido e sfruttando anche i passaggi a vuoto dell’avversario si impone nella frazione successiva per 4 a 6. Nel terzo set i giochi sembravano fatti per l’ennese che si portava avanti 4-0 e poi 5-1. Sul 5-2 Di Stefano andava al servizio e sul 40/15 si procurava due palle match. Andaloro tirava fuori gli artigli e, sostenuto dal pubblico di casa e seguendo i consigli del maestro Paolo Ricciardo, annullava i due match point e dava inizio all’incredibile rimonta sino al definitivo 7/5 che valeva la conquista del titolo.

 

Commenta su Facebook

commenti