Eurogol di Ionut nel finale, il Messina vince di misura a Rieti

Esultanza Messina a Rieti

Missione compiuta per Gustavo e compagni. Lupa Castelli Romani battuta per 1-0 grazie al bolide del rumeno, a segno a 3′ dallo scadere. La prima vittoria della gestione di Lello Di Napoli vale per i giallorossi una grossa fetta di salvezza. 

A Rieti il Messina prova a dare un’accelerata decisiva nella strada verso la salvezza, affrontando il fanalino di coda Lupa Castelli Romani. Lello Di Napoli rivoluziona ancora il pacchetto arretrato, optando per la linea composta, davanti a Berardi, da Ionut (per il rumeno è l’esordio assoluto), Martinelli, De Vito e Zanini. A centrocampo torna il terzetto Fornito-Baccolo-Giorgione, in avanti Gustavo, Tavares e Scardina. Quest’ultimo, ex della sfida, viene preferito a Barisic. Gli amarantocelesti, staccati di otto punti dalla penultima, hanno vinto appena una volta in campionato, contro la Paganese. Palazzi, assistito dall’ex difensore del Messina Mirko Conte, deve fare a meno dello squalificato Gobbo Secco e degli infortunati Gurma, Colantoni, Icardi, Djiby e Montesi.

Una mischia in area

Una mischia in area

La cronaca. L’avvio di partita è di marca giallorossa. Al 6’ pericoloso Scardina che si vede deviare in corner la conclusione da Tassi. Un minuto dopo l’estremo difensore di casa viene impegnato anche da Fornito, respingendo il tiro dell’ex cosentino. Gli attacchi del Messina proseguono e al 17’, sugli sviluppi di un corner, Fornito mette in mezzo per la testa di Scardina, sull’incocciata dell’ex si supera Tassi che salva la propria porta. Al 27’ il primo timido tentativo della Lupa con Carta dalla lunga distanza, facile la presa di Berardi. Da dimenticare, al 29’, il tiro di Gustavo, abbondantemente a lato. Brivido al 31’ sull’inserimento in area di Morbidelli che in palleggio elude l’intervento di De Vito e prova a scavalcare Berardi, bravo a toccare deviando sopra la traversa. Ad un passo dal vantaggio la squadra di Di Napoli, invece, al 37’: pasticciano incredibilmente Di Bella e Aquaro, Giorgione ruba palla e si incunea in area, lasciando esplodere un sinistro che va a infrangersi contro la traversa. Tassi questa volta nulla avrebbe potuto. Mani tra i capelli per il centrocampista, ancora a caccia della sua prima rete stagionale. Nonostante le tante occasioni create dai giallorossi si va al riposo sullo 0-0.

La formazione del Messina

La formazione del Messina

Ripresa avara di emozioni. Le cattive condizioni del terreno influiscono sull’andamento del match. Barisic per Fornito è la prima mossa dalla panchina di Di Napoli che cerca di aumentare il potenziale offensivo dei suoi. Al 22’, però, il Messina rischia grosso: sul cross operato dalla sinistra da Carta il pallone scorre in area e De Gol sciupa tutto calciando sopra la traversa. Barisic termina poi giù al limite dell’area dei padroni di casa: per il direttore di gara è simulazione dell’attaccante. Il Messina prova a spingere, seppur in maniera confusa. Prima è pericoloso Zanini con il suo inserimento, poi per poco Tassi non viene sorpreso da un tiro cross dalla sinistra. Al 40′ traversone dalla sinistra di Giorgione, Tavares manca la deviazione sottoporta, ma l’arbitro ferma tutto per offside. Quando la gara sembra ormai avviata sui titoli di coda ecco l’episodio decisivo. Al 42′ ribattuta della difesa della Lupa sulla punizione scodellata verso l’area da Gustavo, si avventa sulla sfera Ionut che dalla lunga distanza si coordina al meglio e lascia partire un autentico bolide, con il pallone che si infila imparabilmente alla destra di Tassi. Messina in vantaggio ed incontenibile esultanza in campo ed in panchina. Gol pesantissimo, all’esordio, per il rumeno. Finisce qui, la Lupa non ha nemmeno il tempo di reagire. Giallorossi a quota 34 e sempre più vicini all’obiettivo. Spezzati due tabù: i tre punti in trasferta mancavano addirittura da novembre, mentre la prima vittoria della gestione di Lello Di Napoli vale una grossa fetta di salvezza.

Il bolide vincente di Ionut

Il bolide vincente di Ionut

Il tabellino. Lupa Castelli Romani-Messina 0-1
Lupa Castelli Romani: Tassi, Rosato, Carta, Di Bella, Prutsch (35’ st Kosovan), Aquaro, De Gol, Maiorano, Roberti, Scicchitano (9’ st Falasca), Morbidelli (22’ st Mastropietro). A disp. Coletta, Anderson, Proietti, Ricamato, Sporkslede, Rossetti. All. Palazzi.
Messina: Berardi, Ionut, Zanini, Baccolo, Martinelli, De Vito, Fornito (18’ st Barisic), Giorgione, Tavares, Gustavo (48′ st Barilaro), Scardina (45′ st Russo Giuseppe). A disp. Addario, Mileto, Russo Genny, Burzigotti, Bramati, Masocco. All. Di Napoli.
Arbitro: Vittorio Di Gioia di Nola. Assistenti: Davide Argentieri di Viterbo e Stefano Cordeschi di Isernia
Marcatori: 42′ st Ionut (M)
Ammoniti: 42’ pt Scardina (M), 9’ st De Gol (L), 10’ st Ionut (M), 14’ st Maiorano (L), 25’ st Barisic (M)
Note: Spettatori 150 con 70 ospiti.

 

 

Commenta su Facebook

commenti