D’Uva: “Ok del Viminale ai corridoi controllati per gli sbarchi nello Stretto”

controlliPasseggeri arrivati da Reggio Calabria a bordo degli aliscafi in attesa dei controlli (foto Ansa - Carmelo Imbesi)

“Ci tengo a informare i miei concittadini che la proposta sui Corridoi Controllati sullo Stretto di Messina, fatta da me e dalla collega del Movimento 5 Stelle Grazia D’Angelo, è stata recepita con successo dal Ministero dell’Interno ed è già in fase di attuazione. Il riscontro è arrivato direttamente dal Ministero e dal Viceministro Vito Crimi, che ha ribadito l’utilità del nostro contributo volto a definire ulteriormente le modalità applicative delle norme già emanate per contrastare l’emergenza epidemiologica da Covid-19, già pienamente esecutive sulla scorta dei decreti promulgati dal 31 gennaio in poi”.

D'Uva

Il deputato del Movimento Cinque Stelle Francesco D’Uva

Così il deputato questore Francesco D’Uva, portavoce messinese del Movimento 5 Stelle. “In questi giorni abbiamo lavorato senza troppo clamore, ma con determinazione e nell’interesse di tutti, per modellare ancora meglio norme già di per sé valide ed efficaci sulle caratteristiche uniche e specifiche, sia dal punto di vista geografico che infrastrutturale, dello Stretto di Messina”.

L’esponente grillino ha illustrato le caratteristiche dell’intervento che sarà attuato: “Le Autorità locali di Pubblica Sicurezza, che ringrazio per il solido e incessante lavoro, applicano quindi le misure nazionali contemplando la modalità dei c.d. ‘Corridoi Controllati’, con scambio di dati sui flussi tra Forze dell’Ordine di stanza sullo Stretto e Forze dell’Ordine dei singoli Comuni siciliani e controllo capillare della veridicità delle autocertificazioni rese dai passeggeri in transito”.

imbarcaderi

Gli imbarcaderi di Messina (foto Ansa – Giovanni Isolino)

Sembra così chiudersi la lunga querelle sull’asse Roma-Messina, alimentata dalle dure prese di posizione del sindaco Cateno De Luca. D’Uva si dice “soddisfatto che il nostro contributo, realizzato grazie a un metodo in linea con le prescrizioni nazionali, possa essere utile a rafforzare ancora di più, laddove fosse necessario, la gestione della sicurezza e della prevenzione, anche durante le festività pasquali. Colgo l’occasione per augurare a tutti i messinesi una buona Pasqua. Una Pasqua che, sebbene segni un momento di assoluta difficoltà per tutti, sia di buon auspicio per il superamento dell’emergenza in atto. Non abbassiamo la guardia e continuiamo a fare la nostra parte per sconfiggere il virus e riprenderci i nostri spazi affettivi, sociali, economici”. La Regione Sicilia ha peraltro potenziato i controlli sanitari con l’assunzione di venti medici, dislocati da venerdì proprio agli imbarcaderi.

Autori

+ posts