Di Bari: “Bencivenga ha grande spirito di rivalsa, meritava una chance”

Angelo BencivengaAngelo Bencivenga con la maglia del Foggia

 

A presentarci Angelo Bencivenga, l’ultimo acquisto dell’ACR Messina è il direttore sportivo del Foggia, Giuseppe Di Bari. Il nuovo difensore peloritano ha collezionato d’altronde 40 presenze nell’ultimo biennio in Puglia, quasi tutte nella stagione 2014-15.

Giuseppe Di Bari

Il direttore sportivo del Foggia Giuseppe Di Bari

“Sapevo che vi era la possibilità che si accasasse in Sicilia – afferma il dirigente pugliese – È un giocatore interessante. Un difensore centrale, che può giocare anche da esterno destro, come ha già fatto in carriera. Ha qualità tecniche ed anche corsa. Mi è dispiaciuto non vederlo con qualche squadra nella prima parte di campionato. Avrà grande spirito di rivalsa e può rifarsi con gli interessi in queste ultime nove partite”.

Il Foggia capolista è atteso dal big-match con il Lecce secondo, distante appena una lunghezza. “Sarà una partita importante, ma non la ritengo fondamentale. Si scontreranno due squadre che hanno disputato un campionato di grande spessore e che hanno un passato importante alle spalle. C’è un campionato da onorare, speriamo di farlo nel migliore dei modi”. La cornice allo “Zaccheria” d’altronde sarà d’eccezione: “Ci sarà il sold-out, il pienone, con oltre 16mila spettatori, dopo che la capienza è stata ampliata per l’occasione”.

Bencivenga

Bencivenga in azione con la divisa del Lecce

Per la promozione diretta in B è ormai una lotta a due e Di Bari non nasconde un po’ di stupore: “Sinceramente siamo stati sorpresi dal rallentamento del Matera, una delle squadre più attrezzate, che mi aveva ben impressionato. Anche la Juve Stabia ha accusato un calo per certi versi impronosticabile. Pensavo in una lotta a quattro, ma nel calcio le insidie sono sempre dietro l’angolo”.

Grande bagarre anche in coda, dove i piani del Messina vengono complicati dall’attesa penalizzazione: “Sarà un finale di campionato tirato e in queste ultime nove partite vivremo una bella lotta. Ne vedremo delle belle. Non sta mollando nessuno e con l’eccezione di Melfi e Vibonese, che sono un po’ staccate, ben sei squadre sono racchiuse in pochi punti. Dal Messina in giù rischiano tutte, mentre la Paganese si è un po’ tirata fuori”.

Ecco perché lo scontro diretto con il Taranto vale doppio per l’ACR, che per l’occasione potrà fare affidamento su Bencivenga, originario di Villaricca, proprio come l’ex giallorosso D’Alterio, e per tre stagioni in Puglia, considerati anche i trascorsi a Lecce tra 2013 e 2014.

Commenta su Facebook

commenti