Deceduta una 94enne a Barcellona. In diciotto lasciano i tre ospedali messinesi

PiacenzaOperatori sanitari al lavoro in ospedale (foto Ansa)

Il coordinamento per l’emergenza coronavirus nell’area metropolitana di Messina ha informato che presso l’ospedale “Cutroni Zodda” di Barcellona, dove si trovava ricoverata, è deceduta una donna di 94 anni, già affetta da altre patologie e risultata positiva al Covid-19. L’Azienda ha provveduto ad avvertire i familiari ed espresso loro la propria vicinanza. Dall’inizio dell’emergenza sono pertanto 44 in totale i decessi di persone affette da coronavirus in città e provincia. In particolare, sono ventotto al Policlinico “G. Martino” di Messina, undici all’ospedale “Cutroni Zodda” di Barcellona, quattro all’ospedale “Papardo” di Messina e una in una casa di cura privata di Messina (“Cristo Re”).

Al contempo, si sono registrate 14 nuove guarigioni e conseguenti dimissioni di pazienti che erano risultati affetti da Covid-19: nove al Policlinico “G. Martino” di Messina (tre donne rispettivamente di 90, 89 e 83 anni; sei uomini di 89, 86, 83, 82, 65 e 37 anni); quattro all’ospedale “Cutroni Zodda” di Barcellona (tre donne rispettivamente di 88, 83, e 72 anni; 1 uomo di 74 anni); una all’ospedale “Papardo” (un uomo di 88 anni). Si sono inoltre registrate quattro dimissioni di pazienti che già nei giorni precedenti erano stati dichiarati guariti dal Covid-19. In città e provincia le guarigioni complessive dal Covid-19 sono ora 78. I dati forniti sono stati registrati alle ore 11 di giovedì 23 aprile.

Autori

+ posts

Direttore di MessinaSportiva, che ha fondato nel 2005. Ha lavorato nelle tv private messinesi TeleVip e Tremedia per 13 anni, nella carta stampata ("Il Dubbio" e il "Quotidiano di Calabria") e per 6 anni presso la Scuola di Giornalismo della Lumsa di Roma

The following two tabs change content below.

Francesco Straface

Direttore di MessinaSportiva, che ha fondato nel 2005. Ha lavorato nelle tv private messinesi TeleVip e Tremedia per 13 anni, nella carta stampata ("Il Dubbio" e il "Quotidiano di Calabria") e per 6 anni presso la Scuola di Giornalismo della Lumsa di Roma