Dal Giudice Sportivo maxi inibizione per Caiata (Potenza). Messina, Fazzi in diffida

Il presidente del Potenza, Salvatore Caiata, furioso al termine della sfida con il Catania

Il Giudice Sportivo della Lega Pro, dopo le gare della 35esima giornata del girone C, ha inflitto tra i calciatori un turno di squalifica a Cargnelutti e Bucolo (Potenza), Prezioso (Virtus Francavilla), Gelonese (Vibonese), Ferrani (Picerno), Albertini (Catania), Pace (Campobasso), Mercadante (Monopoli). Si aggiunge alla lista dei diffidati per il Messina il jolly Nicolò Fazzi, al nono cartellino giallo del campionato.

Ammende alle società: 3.000 euro al Potenza, 500 al Catania. Per i fatti accaduti al termine di Potenza-Catania sono stati inoltre inibiti fino al 31 agosto 2022, con 500 euro di ammenda, Michele Falasca e fino al 30 giugno 2022, con 1.000 euro di ammenda, il presidente rossoblù Salvatore Caiata, quest’ultimo “per avere, al termine della gara, introducendosi prima sul terreno di gioco e poi nell’area spogliatoi senza averne titolo: A) tenuto una condotta ingiuriosa, irriguardosa, aggressiva e minacciosa nei confronti dell’arbitro in quanto, insieme ad altre due persone non identificate e non inserite in distinta ma riconducibili alla società Potenza, si dirigeva verso di lui in modo minaccioso, lo aggrediva verbalmente, lo insultava e contestava il suo operato; e, subito dopo, sempre insieme alle predette persone, inseguiva l’arbitro mentre questi si dirigeva verso il suo spogliatoio, continuava a tenere le medesime condotte sopra descritte e tentava di avere un contatto fisico con lo stesso; B) tenuto, insieme ad altre persone (una decina circa), una condotta aggressiva e non corretta nei confronti di tesserati della Società avversaria in quanto correva verso di loro in modo aggressivo, li aggrediva verbalmente e li spintonava; fra gli altri, spintonava il portiere avversario”.

The following two tabs change content below.