Curtosi: “Emozionante parare per il Sant’Agata. Voglio acquisire personalità”

Sant'AgataCurtosi celebra un successo con Demoleon

È tra le note liete di questo campionato del Città di Sant’Agata. Flavio Curtosi, ex Vibonese, è l’estremo difensore, classe 2004, del team nebroideo, che si sta mettendo in mostra con ottime prestazioni e una personalità importante a dispetto della sua età. L’ultima sconfitta non intacca le certezze dell’ex calciatore della Vibonese. “La prestazione personale a Locri è stata buona, ma io penso principalmente alla squadra, per cui il risultato non può lasciarmi soddisfatto. Tutti noi guardiamo già alla prossima sfida col Paternò per puntare alla vittoria”.

Sant'Agata

Curtosi si appresta a un rinvio

Il girone I si conferma complicato ma la formazione biancazzurra, pur alla ricerca della continuità di risultati, sta mostrando di potere ben figurare con tutti: “Il campionato è equilibrato e competitivo, con molte vittorie arrivate spesso di misura. Noi pensiamo gara per gara e non bisogna guardare la classifica ma puntare esclusivamente al prossimo impegno. Infatti stiamo preparando la prossima al meglio, dando il massimo in ogni allenamento”.

Da subito ha rivestito il ruolo di portiere titolare con un rendimento in campo sempre molto elevato. “Essere il titolare e poter difendere la porta del Sant’Agata mi ha dato una grande emozione, continuerò sempre a migliorarmi per ricoprire al meglio questo ruolo. Tra noi portieri c’è sana competizione ma alla fine tutto è divertimento, siamo una bella famiglia e ci impegniamo già in allenamento”.

Sant'Agata

Il portiere del Sant’Agata Flavio Curtosi

Il segreto è l’unione con i compagni di reparto e con lo staff tecnico che sta dando consigli utili per crescere in un ruolo molto delicato. “Con il nostro mister Raffaele Ferioli si lavora veramente tanto. La base di tutto è ciò che proviamo in allenamento: infatti lui vuole che quei dettami si ripetano in partita. A lui vorrei rubare la sua grande personalità”. Domenica non è bastato neutralizzare un rigore al Sant’Agata, che sta facendo benissimo in casa ma è reduce da quattro ko esterni consecutivi. Il doppio turno interno con Paternò e Castrovillari è un’opportunità da non sprecare.

Autori

+ posts