Cosenza: “Gara a senso unico, è mancato il gol. Un onore celebrare Licordari”

Caballero e CarusoCaballero calcia a botta sicura, ma Caruso respingerà la sfera (foto Giovanni Chillemi)

Il vice-presidente del Fc Messina Santi Cosenza ha commentato ai microfoni di Rtp l’amaro ko nella stracittadina: “Abbiamo sprecato tantissimo. Paradossalmente è stata una partita a senso unico, ma abbiamo sbagliato sette o otto palle gol. Resta l’ottima prestazione della squadra, ma la porta sembrava maledetta. Ci è mancato il gol, ne abbiamo divorati tanti. Ma non metto in dubbio le capacità della nostra squadra”. 

Lodi

Lodi ha centrato un clamoroso palo (foto Giovanni Chillemi)

In graduatoria il -5 è un vantaggio pesante che ora l’Acr Messina potrà amministrare: “Il distacco in classifica non deve pesare. Abbiamo perso punti, ma la classifica non ci spaventa. Dobbiamo restare concentrati e la reazione ci sarà, anche se il Rende è un’ottima squadra, che peraltro si è rafforzata. Il bando? La buona notizia dello stadio ovviamente ci fa piacere. Un risultato differente l’avrebbe trasformata nella settimana perfetta. Pazienza”. 

Domenica, per un curioso scherzo del destino, ricorrevano i cinque anni dalla morte del giornalista Mino Licordari, celebrato con l’intitolazione della sala stampa dello stadio, dove è stata collocata una targa ricordo. A presenziare anche gli assessori allo sport Francesco Gallo e alla cultura Enzo Caruso, il consigliere comunale Salvatore Sorbello e il presidente dell’Acr Messina Pietro Sciotto.

Mino Licordari

La targa in onore di Mino Licordari affissa in sala stampa

Nell’occasione Cosenza ha aggiunto: “Sono contento di essere qui in onore di Mino. Oltre all’aspetto professionale, che hanno apprezzato praticamente tutti a Messina, ho avuto la fortuna di conoscerlo personalmente e ho un ottimo rapporto con il figlio Maurizio e le sue due sorelle. Siamo cresciuti insieme in un complesso estivo e abbiamo condiviso tanti momenti insieme”. 

Autori

+ posts

Direttore di MessinaSportiva, che ha fondato nel 2005. Ha lavorato nelle tv private messinesi TeleVip e Tremedia per 13 anni, nella carta stampata ("Il Dubbio" e il "Quotidiano di Calabria") e per 6 anni presso la Scuola di Giornalismo della Lumsa di Roma

The following two tabs change content below.

Francesco Straface

Direttore di MessinaSportiva, che ha fondato nel 2005. Ha lavorato nelle tv private messinesi TeleVip e Tremedia per 13 anni, nella carta stampata ("Il Dubbio" e il "Quotidiano di Calabria") e per 6 anni presso la Scuola di Giornalismo della Lumsa di Roma