Città di Villafranca, ad Ariccia si infrange il sogno promozione

Al Città di Villafranca non è riuscita la grande impresa. Dopo il 2-3 dell’andata i biancoverdi sono stati sconfitti per 7-3 ad Ariccia nella finale di ritorno dei playoff di Serie B di calcio a 5. A far festa per la promozione in A2 è stata dunque la squadra allenata da Micheli, ma l’amaro epilogo non scalfisce la straordinaria stagione disputata da Salomao e compagni, giunti ad un passo dal coronamento del sogno del salto di categoria.

Il calcio d'inizio della sfida

Il calcio d’inizio della sfida

Al Pala Kilgour il Città di Villafranca, chiamato a tutti i costi a vincere, si è presentato subito con il portiere di movimento, in situazione di piena emergenza, dovendo rinunciare allo squalificato Di Trapani e all’infortunato Di Carlo. Due pedine chiave nello scacchiere di Piscardi. All’inizio è botta e risposta tra le due contendenti. I padroni di casa vanno a segno alla prima vera occasione con Borsato che al 3’ inquadra la porta dalla distanza. Gli ospiti si riversano in avanti e trovano il pareggio con Piccolo, lesto a ribadire in gol al 9’, da portiere di movimento, dopo il tentativo di Ferreira. Il Città di Villafranca preme ed è particolarmente sfortunato al 12’, quando Bruno centra una clamorosa traversa da pochi passi. Il primo tempo sembra destinato a chiudersi sull’1-1, ma i laziali si riportano in vantaggio a meno di un minuto dal riposo con Borsato, il quale insacca dal limite sugli sviluppi di un’insistita azione di Mendes.

Alla ripresa delle ostilità gli uomini di Micheli realizzano immediatamente il 3-1 con il tap-in firmato Mendes, piazzando un colpo pesantissimo. I tirrenici non sono però mai domi e, dopo la chance avuta da Madonia, si rifanno sotto grazie alla perfetta conclusione all’angolino di Orofino. Il Città di Villafranca continua a spingere, ma è ancora il legno a dire di no a Piccolo, negando il possibile 3-3. E’ invece l’Ariccia ad aumentare il bottino al 7’ con Mendes su assist di Taloni. Lo stesso capitano laziale insacca poi dalla distanza, con la porta ospite sguarnita per effetto dell’impiego del quinto di movimento, siglando il 5-2. Per il Città di Villafranca la montagna da scalare a questo punto è gigantesca, ma il carattere non manca ai ragazzi di Piscardi, bravi all’11’ a confezionare l’azione del 5-3, firmato da Piccolo su imbeccata dalla destra di Salomao. Al 12’ matura, però, l’espulsione di Salomao, che si vede infliggere, in maniera assai fiscale, il secondo cartellino giallo della sua partita per un intervento a metà campo. La squadra di Micheli approfitta della superiorità numerica e allunga ancora con Borsato. Dopo la traversa colta da Richartz, è Aquilani a fissare il punteggio sul definitivo 7-3. L’Ariccia celebra così davanti al proprio pubblico la promozione in A2. Per la compagine del presidente Giacomo Picciolo, tuttavia, resta una stagione da applausi a scena aperta. Al primo anno di Serie B, con il raggiungimento della finale playoff e della semifinale di Coppa Italia, quella dei biancoverdi è stata davvero una cavalcata entusiasmante, cui è mancata soltanto la ciliegina finale.

Una punizione per il Città di Villafranca

Una punizione per il Città di Villafranca

INNOVA CARLISPORT ARICCIA-CITTA’ DI VILLAFRANCA 7-3 (pt 2-1)

INNOVA CARLISPORT ARICCIA: Pagnoni, Aquilani, Luciano Mendes, Borsato, Taloni, Cioli, Bresciani, Richartz, Galati, Ranelletti, Piatti, De Filippis. All. Micheli

CITTA’ DI VILLAFRANCA: Avanzato, Madonia, Salomao, Ferreira, Orofino, Nocera, Lo Buglio, Piccolo, Bruno, Abate, Porcino. All. Piscardi

ARBITRI: Alessandro Maggiore (Bologna), Damiano Calaprice (Bari) CRONO: Dario Di Nicola (Pescara)

MARCATORI: 3’45” p.t. Borsato (CA), 9’10” Piccolo (V), 19’10” Borsato (CA); 00’22” s.t. Luciano Mendes (CA), 4’50” Orofino (V), 7’13” Luciano Mendes (CA), 9’00” Taloni (CA), 11’30” Piccolo (V), 13’30” Borsato (CA), 17’00” Aquilani (CA)

AMMONITI: Taloni (CA), Luciano Mendes (CA), Borsato (CA), Bruno (V), Aquilani (CA)

ESPULSI: Al 12’47” del s.t. Salomao (V) per doppia ammonizione

Commenta su Facebook

commenti