Cassese: “Ad Agrigento per riprenderci i tre punti persi con l’Agropoli”

Cassese al rilancio

La trasferta di Agrigento rappresenta per il Due Torri un serio banco di prova. La squadra allenata da Antonio Venuto è chiamata a riscattare la sconfitta interna con l’Agropoli, rimediata al termine di una prova comunque sfortunata. Tra gli elementi cardine c’è il difensore, classe ’92, Luca Cassese. Ha vestito le maglie di Turris e Sansepolcro per poi approdare al Sant’Antonio Abate, esperienza alla quale è legato fin qui il ricordo più bello della sua carriera:  “Il 2 maggio 2012 ho giocato la finale di Coppa Italia di Serie D ad Arezzo contro il San Donà Jesolo, vinta per 2-1. Quella stagione mi resterà indelebile per tutta la vita” ha raccontato in un’intervista rilasciata all’Ufficio stampa del club di Gliaca di Piraino.

Uno stacco imperioso di Cassese

Uno stacco imperioso di Cassese

Ex anche di Bellaria Igea Marina e Noto è alla sua prima stagione in biancorosso. Cassese ha quindi descritto il momento attraversato dal gruppo:Le sensazioni di questa prima parte di stagione sono più che positive. Qui c’è un ambiente sano e tranquillo e ci sono tutti i presupposti per far bene. Con l’Agropoli – prosegue – siamo stati un pò sfortunati, colpendo due traverse, ma credo comunque che abbiamo commesso qualche piccola leggerezza che ci è costata cara, soprattutto nell’azione del primo gol. Ci sta girando un pò male, ma a tutto c’è rimedio e sapremo superare anche questo ostacolo”.

Domenica la sfida esterna con l’Akragas, appuntamento tra i più duri del torneo. “Ci aspetta un’altra gara difficilissima, perché l’Akragas è sicuramente insieme all’Agropoli la seria candidata a vincere questo campionato. Prepareremo questo match in modo eccelso per far sì di tornare con un successo da Agrigento, perché i tre punti che abbiamo perso domenica in casa dovremo andare a riprenderli lì. Gli obiettivi stagionali ? Vogliamo far bene in ogni partita, per uscire dall’anonimato e far parlare positivamente del Due Torri”.

 

Commenta su Facebook

commenti