Carbonaro: “Una reazione da grande gruppo. La doppietta è dedicata a Melillo”

CarbonaroCarbonaro celebra la marcatura con Bevis, autore dell'assist vincente (foto Carmelo Lenzo)

L’attaccante Paolo Carbonaro ha firmato la vittoria in rimonta del Fc Messina contro il Marina di Ragusa. Dopo qualche occasione mancata, sia nel primo che nel secondo tempo l’ex attaccante del Venezia ha trasformato un rigore e poi finalizzato una serpentina nella ripresa: “Abbiamo mostrato una grande reazione, che mi fa ben sperare. Nel primo tempo non siamo stati brillantissimi, creando comunque tante occasioni. Quindi non è andata così male neppure prima dell’intervallo”.

Ai microfoni dell’ufficio stampa, il calciatore palermitano ha evidenziato che la squadra ha comunque fatto tesoro di quanto è accaduto al “Fresina” di Sant’Agata: “Sicuramente è stata una partita diversa rispetto a Palmi, perché siamo andati sotto nel punteggio. Così abbiamo testato un po’ il nostro carattere: questo ci aiuterà anche in campionato”.

Fc Messina

L’esultanza dei calciatori del Fc Messina (foto Carmelo Lenzo)

L’eliminazione sembrava ad un passo, anche in virtù dei ripetuti miracoli di Salvatore Di Carlo, divenuto peraltro capitano dopo l’uscita dal campo di Francesco Vindigni: “Il loro portiere è stato veramente eccezionale. Ha fatto una gran partita, complimenti a lui. Noi però non abbiamo mai spesso di provarci, anche se c’era un po’ di delusione e scoraggiamento con il passare dei minuti. La squadra ha sempre risposto e alla fine abbiamo segnato sia su rigore che su azione”.

Con l’ingresso in campo di Aladje, Carbonaro ha potuto lasciare il centro dell’attacco, posizione per lui inusuale, giostrando sia sulla corsia che alle spalle della prima punta: “Alla fine ho ricoperto tre ruoli, perché ho giocato pure da seconda punta dietro ad Alberto Gomes. Il mister mi conosce da tempo e sa che posso giostrare in più posizioni. Spero che venga apprezzare questo mio modo di giocare”.

Carbonaro

Il rigore trasformato da Carbonaro (foto Carmelo Lenzo)

La prima doppietta in riva allo Stretto ha un omaggio d’obbligo, per il centrocampista argentino Melillo, che dopo l’operazione alla mandibola sarà costretto a circa un mese di stop. I compagni erano già andati a trovarlo al Policlinico, prima delle dimissioni: “La squadra teneva a dedicare questa vittoria a Ezequiel, che si è infortunato a Palmi. Lo aspettiamo tutti a braccia aperte, perché siamo davvero un grande gruppo”.

Commenta su Facebook

commenti