Betaland, Di Carlo: “Complimenti ai ragazzi, rimaniamo concentrati sulla salvezza”

Di Carlo (Brindisi)

E’ raggiante Gennaro Di Carlo in sala stampa dopo il successo ottenuto al fotofinish al PalaPentassuglia di Brindisi  con un deciso break finale che ha ribaltato l’inerzia della sfida. Senza Ilievski e Laquintana e con Stojanovic bloccato da una caviglia dolorante, il successo assume i tratti dell’impresa in un turno di campionato che ha visto tanti successi da parte delle squadre di bassa classifica.
«Per noi è senza dubbio una vittoria importante, anche alla luce dei risultati maturati questa sera, come la vittoria di Torino su Pistoia. Faccio i complimenti a Brindisi che ci ha messo in grossa difficoltà, ma faccio i complimenti soprattutto ai miei ragazzi perché hanno avuto creduto in questa vittoria per tutti e 40 i minuti. Venivamo da una partita persa male a Sassari, persa secondo me con un risultato che non rispecchiava la gara che avevamo fatto, e volevamo dare continuità ai tre quarti giocati lì. La squadra ha risposto in modo concreto rispetto a ciò che avevo chiesto loro prima della gara. Detto questo la vittoria di Torino ci obbliga a rimanere collegati, perché la matematica i dice ancora che non siamo salvi, anche perché i prossimi due turni giocheremo contro Milano in casa e a Pesaro. Ci portiamo questa a casa questa importante vittoria che ci deve continuare a dare spinta, energia e fiducia, e affrontiamo queste ultime 5 giornate con grande fiducia e consapevolezza che possiamo raggiungere ancora altre vittorie».

Autori

+ posts

Direttore di MessinaSportiva, che ha fondato nel 2005. Ha lavorato nelle tv private messinesi TeleVip e Tremedia per 13 anni, nella carta stampata ("Il Dubbio" e il "Quotidiano di Calabria") e per 6 anni presso la Scuola di Giornalismo della Lumsa di Roma

The following two tabs change content below.

Francesco Straface

Direttore di MessinaSportiva, che ha fondato nel 2005. Ha lavorato nelle tv private messinesi TeleVip e Tremedia per 13 anni, nella carta stampata ("Il Dubbio" e il "Quotidiano di Calabria") e per 6 anni presso la Scuola di Giornalismo della Lumsa di Roma