Berardi: “Persi punti nelle ultime due gare. Il Fondi non è una sorpresa”

BerardiBerardi opera un rinvio (foto Giuseppe Carucci)

Chiuso definitivamente il capitolo Coppa Italia il Messina si rituffa sul campionato. Se sotto il profilo realizzativo occorre fare qualcosa in più, Lucarelli ha intanto registrato il reparto arretrato, come si evince dal solo gol incassato nelle ultime tre apparizioni. In un’intervista rilasciata a Massimiliano Cannalire, conduttore di Radio Cusano Campus, il portiere giallorosso Alessandro Berardi ha parlato del momento della squadra, a cominciare dal prossimo impegno casalingo con il Fondi, a quota 20 in classifica. Tante le insidie per la sfida con la formazione laziale, reduce da un ottimo inizio di stagione: “Si tratta di una squadra forte che fino ad un certo punto può essere considerata una rivelazione. Ha fatto una campagna acquisti mirata in estate, ingaggiando giocatori di esperienza che hanno militato anche in categorie superiori”.

Berardi tra i pali

Berardi tra i pali

Sul girone C di Lega Pro l’estremo difensore peloritano ha poi aggiunto: “E’ un campionato bello, molto più equilibrato dello scorso anno. Si può vincere e perdere con chiunque, lo dimostrano i risultati poco scontati delle ultime settimane. Con un filotto di tre o quattro risultati utili si può agganciare il quinto o sesto posto, mentre per la promozione diretta credo che il discorso sia ristretto a quelle quattro squadre”.

Dopo il successo con la Casertana, all’esordio in campionato di Lucarelli, per il Messina sono arrivati quattro pareggi consecutivi. “Con il Matera abbiamo disputato una bella partita, contro una squadra che cerca sempre di imporre il proprio gioco. Poi con Andria e Akragas volevamo ottenere di più e ci abbiamo provato, ma non sempre gli episodi vanno come uno vorrebbe. Sono stati dei punti persi, più che due guadagnati. All’Esseneto ci sono state occasioni da una parte e dall’altra, ma loro erano più in difficoltà rispetto a noi. Con maggiore cinismo e determinazione, dunque, avremmo potuto portare a casa tre punti che sarebbero stati determinanti. Non perdere dà comunque morale e così in settimana c’è più entusiasmo durante gli allenamenti”.

Catania-Messina

Un primo piano di Alessandro Berardi

Sui possibili rinforzi da ricercare nella finestra di mercato invernale il numero uno giallorosso preferisce, infine, non sbilanciarsi: “Per ora dobbiamo andare avanti quelli che siamo fino a gennaio, poi sarà la società a decidere come agire sul mercato invernale. Il presidente e i dirigenti sapranno cosa fare”. 

Commenta su Facebook

commenti