Benevento e Salernitana corsare. Riscatto Matera, Juve Stabia fermata a Reggio

MadoniaMadonia, da avversario del Messina, con la maglia del Matera

Tutto come prima al vertice dopo la venticinquesima giornata nel girone C di Lega Pro, caratterizzata dalle numerose vittorie in trasferta. Il Benevento passa di misura a Martina Franca, la Salernitana si impone 0-2 a Melfi. Primo tempo a reti bianche al “Tursi” con occasioni su ambo i fronti. Montalto pericoloso per i pugliesi, Mazzeo e Eusepi vicini al vantaggio nei minuti conclusivi. Al 6′ della ripresa arriva il gol partita: l’1-0 lo firma Eusepi, al quattordicesimo centro stagionale, sfruttando il cross di Campagnacci. La squadra di Brini sale a 56, a +2 sulla Salernitana. Successo convincente per i granata ai danni dei lucani che restano invischiati in zona play-out. Di Negro e Trevisan, tra il 21′ ed il 25′ del primo tempo, il terribile uno-due. La formazione allenata da Menichini ha ottenuto così la quarta affermazione nelle ultime cinque gare e soprattutto l’ottavo acuto esterno del torneo.

Menichini, tecnico della Salernitana

Menichini, tecnico della Salernitana

Il turno si era aperto con il blitz del Lecce al “Marcello Torre” di Pagani. Salentini subito in vantaggio al 12′ con Salvi, lesto ad approfittare dello scontro tra Marruocco e Gustavo, depositando nella porta rimasta sguarnita. Gli azzurrostellati falliscono il pari con Longo, ma nella ripresa non riescono quasi mai a pungere. La squadra di Bollini amministra bene e sfiora per almeno due volte il raddoppio, trovando sulla sua strada un attento Marruocco. Lo 0-2 matura proprio al 90′: colpevole il portiere azzurrostellato che inciampa malamente sul terreno di gioco e si lascia sorprendere dalla conclusione da fuori di Di Chiara. Con questa vittoria il Lecce sale a quota 45 punti, come la Casertana, agganciando al terzo posto la Juve Stabia.

Il tecnico della Juve Stabia Giuseppe Pancaro in panchina con un assistente

Il tecnico della Juve Stabia Giuseppe Pancaro in panchina con un assistente

Nel lunch match domenicale pari a reti inviolate per le “vespe” a Reggio Calabria. Gara tutto sommato divertente al “Granillo”, con la squadra di Alberti che ha sfiorato il colpaccio, a testimonianza della crescita costante delle ultime settimane. Gli amaranto, che nel corso della ripresa hanno perso per infortunio il portiere Belardi, hanno chiuso infatti in superiorità numerica per l’espulsione di Cancellotti. A 3′ dal termine Pisseri ha salvato i campani con una parata prodigiosa, dopo la clamorosa traversa colta da Viola. La Reggina è ora terz’ultima col Savoia, dopo aver scavalcato l’Ischia.

Marruocco, protagonista in negativo

Marruocco, protagonista in negativo

Oplontini ko 0-1 in casa con il Barletta, che ha ottenuto l’undicesimo risultato utile consecutivo e soprattutto la quarta vittoria esterna, che segue quelle ottenute a Lamezia, Foggia e Messina. Determinante ancora una volta Fall, autore al 79′ della sua sesta rete stagionale. Ancora più grave la battuta d’arresto dell’Ischia, sconfitta per 1-2 tra le mura amiche dall’Aversa Normanna, che è riuscita a firmare l’impresa nel derby tutto campano. In rete ancora una volta l’ex giallorosso De Vena, alla nona marcatura del torneo, al 18′. Poi sono stati protagonisti due giocatori trattati dal Messina nelle scorse settimane: Magliocchetti ha infatti originato un calcio di rigore, trasformato da Infantino. Ma nel finale è stato Amelio dalla lunghissima distanza a fare esultare Sasà Marra e Lagomarsini: l’Aversa, seppur ultima, risale a quota 15 punti, a -4 dall’Ischia ed a -5 dal Savoia.

L'undici titolare del Foggia

L’undici titolare del Foggia

Il Foggia non è andato oltre il pari allo “Zaccheria” contro la Vigor Lamezia. Dopo un primo tempo avaro di emozioni, anche la ripresa è tutt’altro che spettacolare. Nel finale, invece, all’88’ Held ha sciupato la chance del vantaggio per gli ospiti, mentre la formazione di De Zerbi, proprio allo scadere, ha centrato la traversa con una gran punizione dello specialista Gigliotti. 0-0 e mezzo passo falso da parte dei “satanelli” che avanzano a 42. Buon punto per la Vigor, adesso a quota 31. Fondamentale affermazione nel derby di Calabria per il Catanzaro, che ha battuto 1-0 il Cosenza grazie ad una rete (la seconda in due gare dopo quella siglata a Matera) dell’ex messinese Vittorio Bernardo, prelevato dalla Paganese, a segno in avvio di ripresa. I silani si mordono le mani per la doppia occasione sprecata nel primo tempo da Statella.

Bernardo, ancora in gol

Bernardo, ancora in gol

Corsaro il Matera di Auteri che riscatta la precedente sconfitta interna battendo 0-2 la Lupa Roma. In gol Carretta al 2′ e Madonia al 94′, a coronamento di una bella azione personale. La squadra di Cucciari, sempre più in crisi, ha trovato sulla sua strada uno strepitoso Bifulco che al 43′ ha sventato il rigore calciato da Raffaello, compiendo altre importanti parate nella ripresa. Adesso in zona playoff è piena bagarre. Alle spalle delle due battistrada Juve Stabia, Lecce e Casertana a 45, con il Matera a inseguire. In zona playout, invece, tutto invariato, complici le sconfitte rimediate dalle squadre della seconda metà di classifica. Messina ancora quint’ultimo con Cosenza e Melfi, a meno due da Lupa e Martina.

Commenta su Facebook

commenti