Barletta, che rivoluzione. L’ex giallorosso Stendardo guida la difesa

È un Barletta quasi del tutto rinnovato quello che sabato 30 agosto esordirà ufficialmente nella Lega Pro unica. La rivoluzione non comprende solo la rosa ma anche la dirigenza e la proprietà. Infatti, dopo quattro anni, Roberto Tatò ha ceduto le sue quote a Giuseppe Perpignano, già in precedenza presidente del Rapallo Bogliasco, sodalizio di Serie D e al giovane Federico Trani, socio di minoranza sia del club biancorosso che del Rapallo. Con sé il neo presidente Perpignano ha portato nella Città della Disfida anche l’allenatore della squadra di cui era presidente, Marco Sesia e l’ex diesse del Bra, Marco Rizzieri. Quest’ultimo si è sin da subito messo a lavoro per costruire una squadra che possa ben figurare in questo difficile torneo.

L'ex giallorosso Mariano Stendardo

L’ex giallorosso Mariano Stendardo

Della squadra composta nella passata stagione, dall’ex direttore sportivo calabrese Gabriele Martino, al momento sono rimasti in quel di Barletta i soli Liverani, Branzani, Legras, D’Errico, Maccarone e Mantovani. Di questi gli ultimi due sono in partenza, mentre rimane in sospeso la situazione del forte esterno d’attacco ex Andria, D’Errico, il quale alla fine potrebbe rimanere alla corte di Sesia. La rosa composta in questa sessione dal direttore sportivo Rizzieri è formata da un mix di calciatori giovani ed esperti. Tra le pedine di spessore ci sono i difensori Radi e Stendardo (a Messina collezionò 35 presenze e 2 gol in B nel 2007-08, ndc), i centrocampisti Quadri e De Rose, ultimo arrivato, l’esterno offensivo Floriano, bravo nell’uno contro uno e l’attaccante Biancolino. Tra i giovani, invece, si sono messi in mostra in modo particolare il colored Fall, che può giocare sia come punta che come esterno e Venitucci. In questi ultimi giorni di mercato il sodalizio pugliese cercherà un terzino destro per completare l’organico.

L'ultimo arrivato De Rose

L’ultimo arrivato Francesco De Rose

In vista della gara d’esordio, prevista sabato al “Puttilli” contro il Messina, mister Sesia dovrebbe schierare la squadra con l’ormai rodato 4-3-3. Tra i pali ci sarà Liverani. In difesa, da destra verso sinistra, scenderanno in campo Cortellini, Radi, Stendardo e Regno. Sulla mediana dovrebbero posizionarsi Branzani, Quadri e Legras, mentre in attacco Fall verrà coadiuvato quasi sicuramente da Venitucci e uno tra D’Errico e Floriano, con quest’ultimo che in settimana ha ricevuto una botta durante un test ma dovrebbe farcela ed è il favorito. Biancolino, invece, partirà quasi sicuramente dalla panchina, poiché è ancora alla ricerca della forma migliore. A rischio, infine, la presenza dell’attaccante Rizzitelli, alle prese con qualche problema al ginocchio.

Presentazione a cura di Nicola Massaro – Amica9 Tv

Ogni settimana, per tutto il campionato, un giornalista di riferimento ci presenterà l’avversario di turno del Messina

The following two tabs change content below.

Commenta su Facebook

commenti