Barcellona, D’Alessio: “Lavoro intenso e tanta fame di gloria la nostra ricetta”

Basket BarcellonaVenanzio D Alessio (Barcellona)

Al suo secondo anno a Barcellona Pozzo di Gotto, il consulente societario Venanzio D’Alessio è pronto ad affrontare una nuova stagione. La piazza ha imparato a conoscerlo e viceversa. Rispetto allo scorso anno, la filosofia non è cambiata. Umiltà e tanto lavoro. Testa bassa e pedalare nel più assoluto rispetto delle regole.

Il Basket Barcellona ha deciso di ripartire da uno zoccolo duro composto da sei elementi che già conoscono l’ambiente e le sue dinamiche. Sereni, De Angelis, Grilli, Brunetti, Teghini e Stefanini difenderanno ancora i colori giallorossi. Il progetto intrapreso lo scorso anno vive quindi la sua seconda stagione. “La programmazione prevede nel secondo anno, il più difficile perchè bisogna confermarsi, che l’ossatura rimanga inalterata – ha affermato Venanzio D’Alessio – Ciò visto anche il buon lavoro svolto da confermati. Siamo andati a inserire una specificità nel ruolo di playmaker e dei giovani, regolamento alla mano, idonei alla nostra filosofia umana e sportiva”.

Le amichevoli e la fase di preparazione hanno lasciato indicazioni positive. Vero è che chi ben comincia è a metà dell’opera, ma adesso si comincia a fare sul serio. “Il pensiero comune, condiviso da me, Tommaso Donato e lo staff tecnico – ha affermato ancora D’Alessio – è che si può ottenere tanto lavorando duramente senza mai accontentarsi. Basta alzare la soglia del lavoro. La nostra filosofia è quella dei fatti e non delle parole. Tanto duro lavoro e tanta fame di gloria”.

Sabato l’esordio in casa della Tiber Basket Roma: “E’ una partita ostica su un campo notoriamente difficile e contro un avversario giovane e motivato. Sarà dura, come tutte le gare di questa stagione. Lavoro e solidità mentale saranno fondamentali per il nostro esordio”.

Da segnalare come sottolinea il magazine Spicchi d’Arancia che lo stesso D’Alessio essendo un procuratore FIP ha deciso di sospendersi dalla propria attività fino al 30 Giugno 2018 per esercitare senza conflitti di interesse l’incarico di general manager proprio a Barcellona.

Foto in evidenza di Chiara Moroso

Commenta su Facebook

commenti