Arena incontrerà il sindaco: “Disponibile a trattare con la famiglia Sciotto”

Rocco ArenaRocco Arena è presidente del Cfi Alicante

L’imprenditore milanese Rocco Arena è atterrato in Sicilia. L’amministratore unico della “101 Service”, attuale presidente del Cfi Alicante, è interessato all’acquisto dell’Acr Messina, messo in vendita nei mesi scorsi dalla famiglia Sciotto.

Arena torna in città a distanza di tre settimane dal match di Coppa Italia con il Giulianova, che aveva seguito dal vivo, per un incontro informale con il primo cittadino, Cateno De Luca. “Incontreremo il sindaco nella giornata di domani – conferma l’imprenditore milanese, contattato telefonicamente dalla nostra Redazione, alla vigilia della visita di cortesia –. Faremo una chiacchierata amichevole per comprendere meglio il suo pensiero. Vorremmo provare a costruire qualcosa, facendo un passo alla volta. Poi parleremo con la famiglia Sciotto”.

Rocco Arena

Rocco Arena in posa con la rosa del Cfi Alicante

Con l’attuale dirigenza vi è stato fin qui soltanto un contatto indiretto: “Dopo che la proprietà dell’Acr ha annunciato pubblicamente l’intenzione di farsi da parte, un nostro intermediario ha contattato l’attuale presidente. Ma se hanno cambiato idea e vogliono andare avanti, ovviamente non insisteremo. E ci concentreremo invece sull’Alicante”. 

Il Cf Indipendente Alicante, club che milita nella Preferente Valenciana, la quinta serie spagnola, è infatti in lotta per la promozione in Tercera Division, paragonabile proprio alla nostra serie D. A quattro giornate dal termine del torneo, il club biancazzurro è quarto in graduatoria, a due punti dalla vicecapolista, l’Hercules di Alicante, e a una sola lunghezza dal Villajoyosa. “Con l’Alicante ci stiamo giocando la promozione in Tercera Division – ribadisce Arena – Sarebbe compatibile con il Messina. Si tratta di due progetti differenti, di due figli che crescerebbero insieme. Ma è evidente che tutto dipende dalla volontà della famiglia Sciotto di proseguire o meno la loro gestione”.

Rocco Arena

Rocco Arena alle celebrazioni per i cento anni del Cfi Alicante

Perché proprio Messina? Arena chiarisce le sue origini meridionali: “Sono siculo-calabro e frequento lo Stretto, dove trascorro le vacanze. Sono stato invitato a seguire la gara di Coppa Italia e da lì ha preso corpo l’operazione”. 

Nonostante l’incontro in agenda con il sindaco, Arena non vuole sbilanciarsi, considerando che il dialogo con l’Acr non è stato neppure avviato: “Se si vogliono cucinare tante pietanze insieme, si rischia di bruciare qualcosa. Se si raggiungerà un accordo con Sciotto e prenderemo possesso della società, daremo spazio ai nostri progetti. È prematuro parlare di bandi o di stadi, anche se c’è lavorare sugli impianti. Per “Scoglio” e “Celeste” servono progetti a medio termine, anche se io non ho la bacchetta magica. Io dico che Messina ha bisogno di un settore giovanile, fondamentale anche in ottica sociale”. 

Commenta su Facebook

commenti