All’Arcivescovado di Messina Mostra d’Arte Presepiale sino al 6 gennaio

Per tutto il periodo natalizio, sino al 6 gennaio 2014, sarà possibile visitare l’edizione 2013-14 della MoConcerto Mostra d'arte Presepialestra di Arte Presepiale, organizzata nei Chiostri dell’Arcivescovado (via I settembre, 117) dall’Associazione Italiana Amici del Presepio Sede di Messina.

L’esposizione, a ingresso libero, sarà aperta al pubblico tutti i giorni dalle 16.30 alle 20.30. Sarà possibile concordare eventuali visite fuori orario di gruppi o scolaresche telefonando al numero 3495612109. Hanno già visitato la mostra le Scuole Media San Giovanni Bosco ed Elementare Mazzini-Gallo. Il 12 gennaio si terranno, invece, il concerto di chiusura dell’Ensemble di arpe e coro, diretto dalla professoressa Valentina Celesti dell’Istituto Boer – Verona Trento, e il consueto sorteggio del presepe.

Nel percorso espositivo, guidato da iconografie che descrivono la storia del presepe, è possibile ammirare nel primo settore i presepi aperti (visibili a 360°), realizzati con diversi stili e materiali (orientale, napoletano, popolare…); nella seconda parte i diorami, caratterizzati da un’unica veduta, da sofisticati giochi di prospettiva e di luce e da figure realizzate da affermati artisti del settore, gli spagnoli Josè Luis Mayo, Josè Joaquin Pèrez e Martì Castells, gli italiani Alessandro Martinisi e Marco Guttilla. Nel terzo settore, invece, le sculture accompagnano i visitatori alla fine di questo viaggio sul filo conduttore della natività.

La novità di quest’anno è il workshop, che mostra dal vivo le tecniche utilizzate dai presepisti per realizzare le loro opere e poi insegnate durante i corsi che l’associazione organizza annualmente. L’iniziativa è stata realizzata in collaborazione con la Curia Arcivescovile ed è inserita nel programma di “Arte Fede e Musica Avvento Natale 2013”, il contributo della Presidenza dell’Assemblea Regionale Siciliana, l’allestimento dell’Ente Teatro di Messina e il patrocinio gratuito del Comune di Messina.

The following two tabs change content below.

Commenta su Facebook

commenti