Alla Sala Laudamo, da venerdì 8 a domenica 10 gennaio, in scena “Caterina”

Debutterà domani 8 gennaio, alle ore 21, alla Sala Laudamo, con repliche sabato 9 alle 21 e domenica 10 alle ore 17:30, “Caterina” uno spettacolo scritto, diretto e interpretato da Donatella Venuti con Margherita Smedile, Alessio Bonaffini, Gerri Cucinotta e Nicola Buonomo.

Un bel primo piano di Donatella Venuti

Un bel primo piano di Donatella Venuti

La notizia del ritrovamento a Trabia di una ragazzina di 16 anni, disabile, segregata in mezzo ai rifiuti, che si scoprirà  essere vittima di soprusi e maltrattamenti, ha ispirato questo testo, tra i vincitori del Premio “Oltreparola 2008”,  incentrato su una famiglia meridionale, i cui protagonisti sono vittime e carnefici. Tre generazioni femminili, figlia, madre e nonna legate da una solidarietà atavica che la violenza bruta e retriva del padre tende a sradicare per attuare il suo piano di dominio su quello che è l’elemento più debole e psichicamente fragile, la figlia, resa tale dalle perpetrate menzogne e ripetute violenze, attuate nel tempo. Caterina  è un testo strano, stilisticamente ambivalente tra il genere drammatico e il grottesco, e sembra non voglia decidersi da che parte stare o forse l’argomento trattato, chiaramente scabroso, impone talvolta una leggerezza che non gli si addice. Frutto di una riflessione folgorante sui rapporti familiari in cui tre generazioni si confrontano  all’interno di una struttura sociale arcaica proto industriale più vicina alle società contadine, fagocitate dall’attuale consumismo globale. E’ quella che Pasolini definisce  l’era prima della scomparsa delle lucciole in cui l’utilizzo della lingua madre – il dialetto messinese – offre quella musicalità ricca di suggestioni, colori, evocazioni che permettono agli attori una grande versatilità espressiva. Persino la religione diventa uno strumento sinistro nelle mani della madre e della nonna che credono di poter scacciare il “diavolo” attraverso un rito esorcistico da quella figlia, istigatrice di vendetta che simula una morte apparente per poi rinascere, come lei dice “cchiù paccia i prima” Caterina è una piccola donna come tante, segnata fin da ragazzina da quell’orribile violenza che il padre orco le ha impresso nel corpo e nella mente.

The following two tabs change content below.
Lillo Guglielmo

Lillo Guglielmo

Plurilaureato, giornalista per passione, docente di matematica e dottore commercialista di professione. In una parola: poliedrico.

Commenta su Facebook

commenti