Al Teatro Vittorio Emanuele inaugurazione della mostra “Via Crucis” di Antonello Bonanno Conti

Opera di Bonanno ContiIl Crocifisso dell'artista Antonello Bonanno Conti

Nel Foyer del Teatro Vittorio Emanuele il 29 marzo verrà inaugurata la mostra di Antonello Bonanno Conti dal titolo “Via Crucis”, il cui allestimento è stato ideato da Saverio Pugliatti. A celebrare l’inizio della mostra sarà Giovanni Ardizzone (presidente dell’Assemblea Regionale) con presenti il Sindaco di Messina Renato Accorinti, Filippo Romano (Commissario straordinario della Provincia Regionale), Don Antonio Meli e Ninni Bruschetta. Le quindici stazioni della “Via Crucis” di Antonello Bonanno Conti, pur non raccontando il dato realistico del doloroso cammino di Cristo, seguono lo schema dell’iconografia classica, con una fusione fra tradizione e innovazione. L’artista focalizza il suo messaggio soprattutto sui colori ed infatti già tale elemento si nota dalla prima stazione in cui Cristo è condannato a morte. Bonanno Conti sottolinea questo passaggio allestendo una rappresentazione in cui domina il colore rosso. Dalla seconda stazione nel racconto prevalgono due colori, il bianco e il rosso. La scelta cromatica consente allo spettatore di poter accedere ai valori spirituali della Passione. Saverio Pugliatti ha liberamente poggiato sul pavimento i pannelli che raffigurano la vita terrena a sottolineare tre elementi fondamentali ossia la violenza, la sofferenza e il dolore. I due pannelli che fissano il momento della morte, e dunque l’ascesa al cielo, e il momento della Resurrezione invece sono sollevate da terra con lo scopo di sottolineare visivamente e cromaticamente la differenza tra dimensione terrena e dimensione divina. Nel momento della Crocifissione l’autore forza il racconto iconografico ma sintetizza il vero significato della Pasqua. La fusione di rosso e oro riepilogano la Passione e la Resurrezione del Cristo. Altrettanto densa di significati la gioiosa Resurrezione. Al centro una croce dorata priva del corpo di Cristo, tutto attorno una esplosione di luce e di colore. Da ciò si evince come la mostra nel Foyer del Teatro Vittorio Emanuele risulti un’occazione per ammirare i lavori del bravissimo Antonello Bonanno Conti.

 

Commenta su Facebook

commenti