Verso la conclusione “PeriferichEnergie”, le periferie raccontate da giovani artisti

Un momento del laboratorio, durante il progetto "Periferichergie"

Un momento di trekking urbano

Tre città, Messina, Reggio Calabria e Napoli, e tre quartieri, Rione Annunziata, Centro Storico e Quartieri Spagnoli, da riscoprire e raccontare attraverso percorsi di osservazione e laboratori creativi multidisciplinari. Entra nel vivo il progetto “PeriferichEnergie. Conoscere, narrare, inventare la città che non si vede“, promosso da Sabir srl, dalla Casa Editrice Mesogea e da SabirFest OFF di Messina – in partenariato con l’Associazione International House di Reggio Calabria e la sezione napoletana dell’Associazione Yoda di Bologna, realizzato grazie al contributo SIAE con il bando “Sillumina – Copia privati per i giovani e la cultura”. PeriferichEnergie ha preso il via lo scorso mese di dicembre nelle tre città, attivando una serie di confronti   tra giovani narratori e artisti, associazioni e cittadini, ed è stato concepito per proporre, nelle sue diverse fasi – dai trekking urbani alla elaborazione creativa – opportunità innovative di scoperta, conoscenza e racconto dei tre quartieri periferici. Prima una call per selezionare gli autori, che avrebbero poi dovuto raccontare e coordinare i laboratori di narrazione, graphic novel e street art a partire dai trekking urbani – tre per ogni città – che hanno coinvolto un pubblico eterogeneo, incuriosito dalla possibilità di guardare con occhi nuovi luoghi solitamente attraversati distrattamente, sperimentando forme di narrazione e condivisione. A Messina, il quartiere Annunziata ha accolto un ciclo di trekking urbano e laboratorio di scrittura, CeMentalità, sulla base dell’itinerario previsto dallo scrittore under 35 Sergio Scarfì, che ha poi condotto il laboratorio accolto negli spazi del MuMe (Museo Regionale di Messina).

Un momento del progetto a Reggio Calabria

È stata poi la volta di Transumanza, laboratorio di narrazione e street art – coordinato dalla seconda scrittrice under 35 selezionata, Giordana Restifo –  ospitato dal Liceo E. Basile, nel corso del quale è stato realizzato –  sul muro messo a disposizione dalla Scuola media E. Vittorini e  sotto la guida dell’illustratrice e graphic novelist Michela De Domenico –  un murales. Ed ancora, Uruboro, terzo trekking urbano propedeutico a un laboratorio di graphic novel, coordinato dall’autrice under 35 Elena Grimaldi e dallafumettista Chiara Abastanotti, che si è svolto al  Dipartimento di Civiltà Antiche e Moderne dell’Università di Messina, nel campus universitario dell’Annunziata. A Reggio Calabria, il primo appuntamento, Invisibili, ha coinvolto anche la comunità di Sant’Egidio nel trekking urbano e nel laboratorio di scrittura, che è stato condotto da Luca Assumma. La bellezza nascosta, titolo del secondo trekking urbano e laboratorio di scrittura e street art, che ha visto il coinvolgimento dell’Associazione Amici del Museo, si è svolto con il coordinamento del giovane scrittore Raffaele Pace, negli spazi dell’associazione Immezcla. Un mondo di storie, il terzo appuntamento, ha proposto un viaggio nella vita dei rom a Reggio Calabria – accompagnato dallo sguardo della scrittrice Federica Campolo e da Giacomo Marino, presidente dell’Associazione «Un mondo di mondi» – e realizzato una graphic novel insieme al fumettista Carlo Lauro. A Napoli, i trekking urbano-letterari nei Quartieri Spagnoli sono stati organizzati tutti in collaborazione con Vascitour Turismo e Tempo Libero, che propone un turismo esperienziale e tutte le attività napoletane sono state inserite nella cornice OFF della I edizione napoletana di IT.A.CA’ Migranti e viaggiatoriFestival del turismo responsabile.

Trekking urbano ai Quartieri Spagnoli, a Napoli.

Anche qui, ai trekking urbani sono seguiti i laboratori che hanno coinvolto gli scrittori under 35 Pasquale Aversano, per laboratorio di scrittura creativa svoltosi al Dipartimento di Scienze Sociali dell’Università Federico II di Napoli; Chiara Spaziano, che insieme al fumettista Lorenzo Iaconis ideatore di Speed Date Comics, ha guidato il laboratorio di graphic novel alla Libreria Tamu; Marcella Grimaldi, insieme al writer Gennaro Maria dell’Associazione 400ml. E, per finire, tra febbraio e marzo 2019, a conclusione del progetto, si svolgeranno sempre tra Messina, Reggio Calabria e Napoli incontri ed eventi, nel corso dei quali saranno finalmente presentate le opere frutto del lavoro dei laboratori: i 9 racconti, riuniti in un Taccuino di scrittori ai margini, i tre murales – che verranno inaugurati contemporaneamente – e le tavole delle graphic novel, anch’esse contenute nel taccuino, che saranno esposte in una mostra nelle tre città.

Commenta su Facebook

commenti