Va al Castanea il derby messinese con la Fortitudo. Denafs subito decisivo

Castanea Basket MessinaAndrea Banin cerca di farsi largo in mezzo all area (foto Giovanni Chillemi)

Un derby avvincente, combattuto, sconsigliato ai deboli di cuore, soprattutto nell’ultimo quarto, quello che si è giocato al PalaRitiro tra il Castanea e la Fortitudo Messina. I gialloviola padroni di casa si presentavano senza staff tecnico a causa della squalifica occorsa sia a Baldaro che a Frisenda dopo la partita della settimana scorsa a Catania contro Gravina. A fare le veci del coach il capitano Andrea Squillaci.

Castanea Basket Messina

Kristers Kekis ha salutato il Castanea (foto Giovanni Chillemi)

Tra le fila del Castanea c’è un volto nuovo: Davis Denafs, arrivato in settimana per sostituire Kristers Kekis, che ha rescisso consensualmente il contratto. Per Denafs si tratta di un ritorno, dopo la scorsa ottima stagione (chiusa con 17.1 punti a gara e un high score di ben 35 punti). In panchina, ma solo per onor di firma, Hofsteteris, a causa dell’influenza.

I padroni di casa partono con il quintetto formato da Banin, Denafs, Janic, Lopukhov e Chakir. Gli ospiti presentano, invece, il nuovo acquisto Gianmarco Iannicelli (classe 2002), arrivato a rinforzare i neroverdi di Cavalieri ma non schierano il pivot Yeyap. Il primo quarto vede subito uno strappo gialloviola con un ispirato Denafs (che firma i primi 11 punti del Castanea), che conduce i suoi al 15-5 al 5’. I ragazzi di coach Cavalieri provano a restare in scia, con Giannullo e l’ormai colonna (e capitano) Bellomo.

Castanea Basket Messina

Chakir incisivo dalla lunga distanza (foto Giovanni Chillemi)

Tuttavia il Castanea, con intensità difensiva e buona circolazione di palla in attacco, continua a martellare e si va così alla prima sirena sul 29-18. Nel secondo periodo di gioco i gialloviola allungano ancora, con un Denafs incontenibile e Chakir sempre presente sotto le plance, ma capace di far male anche dalla lunga distanza. All’intervallo lungo il tabellone recita 52-30.

Il terzo quarto è caratterizzato dallo stesso leitmotiv del secondo, con un Denafs un po’ a corto di fiato, ma con una prova corale di grande intensità. Trupia e Ponzù dominano a rimbalzo, Banin difende forte e fa ripartire veloce i suoi. I gialloviola toccano anche il +28. Al 30’ il risultato è di 76-52. Nell’ultimo periodo di gioco, però, gli ospiti provano a reagire e, spinti dall’orgoglio, rosicchiano punti. Capitan Bellomo è il trascinatore di questa rimonta e, con un paio di tiri da tre e ottime penetrazioni con fallo, riporta i suoi fino al -7.

Castanea Basket Messina

Le formazioni di Castanea e Fortitudo a fine gara

Il Castanea, tuttavia, riesce a non farsi prendere dal panico, e grazie, anche, ad un glaciale Trupia (4/4 per lui negli ultimi minuti dalla linea della carità), fa suo il derby. Alla sirena finale il tabellone recita 94-86. Adesso, per il turno infrasettimanale, il Castanea è atteso da un altro derby, contro la Basket School Messina, che si giocherà a Mili mercoledì 7 dicembre, con palla a due alle ore 20:30. Per la Fortitudo invece big-match con la Svincolati Milazzo.

Castanea-Fortitudo 94-86
Castanea Basket 2010: Banin 14, Denafs 37, Janic 7, Lopukhov 6, Chakir 16, Burkus 1, Hofsteteris n.e., Trupia 13, Ponzù Donato, Squillaci.
Fortitudo Messina: Bellomo 27, Magarinos 19, Caldwell 5, Mollica 5, Giannullo 13, Cavalieri S. 2, Ottoborgo 3, Giovani 3, Iannicelli 9, Mento n.e., Molonia n.e., Bottari n.e. All. Cavalieri C., Ass. Marisi.

Autori

+ posts