Uno sfortunato S.Agata cede solo ai tempi supplementari. Coppa Italia al Licata

Sant'Agata e Licata in finale a Troina

Non è bastata al Città di S.Agata una prestazione superba per portare a casa la Coppa Italia di Eccellenza regionale. casa. Ad alzare il trofeo al cielo di Troina è stato il Licata, vittorioso per 2-1 dopo i tempi supplementari. Non è stato un esodo ma poco ci è mancato, in quanto sono stati tantissimi i santagatesi a raggiungere la cittadina ennese.

I presidenti di Città di Sant’Agata e Licata

Il S.Agata ha forse avuto il demerito di non aver capitalizzato la gran mole di gioco sviluppata. I ragazzi di Bellinvia partono subito forte e già al 1′ vanno vicinissimi al gol con Matera che in scivolata arriva in leggero ritardo su un tiro cross di Segreto. Al 2′ grande percussione di Lupo, Iacono è attento e intercetta. Al 7′ torna a farsi minaccioso Mincica, che chiama Iacono agli straordinari. Al 12′, sugli sviluppi di una lunga rimessa laterale di Privitera, ci prova Isgrò, la conclusione risulta centrale e il portiere blocca. A passare è però il Licata. Corre il 24′ quando Tumbarello sfugge a due avversari e pennella per Cannavò che ben appostato di testa non lascia scampo a Inferrera. La reazione biancoazzurra non tarda ad arrivare e al 28′ Mincica centra per l’ex Matera che arriva in ritardo. Al 36′ arriva il meritato pari, a metterlo a segno sugli sviluppi di una punizione Zingales, che si avvale di una deviazione e supera Iacono. Sulle ali dell’entusiasmo 30 secondi dopo il S.Agata potrebbe raddoppiare con Lupo che si presenta a tu per tu con il numero uno gialloblu ma il suo tentativo di pallonetto viene intercettato.

Il Licata con la Coppa Italia dopo la finale con il S.Agata

Nella ripresa, dopo una conclusione a giro di Mincica al 57′ respinta da Iacono, al 61′ Cannavò impegna in girata severamente Inferrera che respinge sui piedi di Taormina che calcia alto. All’82’ il S.Agata va in gol con Isgrò, ma la rete viene annullata per posizione irregolare dello stesso giocatore. Si va ai supplementari e nel corso del 97′ Tumbarello, pesca sulla corsia opposta Taormina che entra in area e fa secco Inferrera. I biancoazzurri gettano il cuore oltre l’ostacolo e nonostante la stanchezza si tuffano a capofitto in avanti. Al 100′ non sono fortunati visto che la girata di Bontempo termina alta di poco. Nel secondo tempo supplementare ci prova da 20 metri Privitera, il pallone esce di pochissimo. Ad un minuto dallo scadere, bella azione di Pino, che penetra in area ma conclude leggermente alto. Nel corso dell’ultimo minuto, per un fallo di Civilleri, che riceve il secondo giallo e di conseguenza viene espulso, il direttore di gara assegna una punizione a limite al S.Agata. Della battuta si incarica Zingales, il pallone sfugge dalle mani del portiere e va ad infrangersi contro la base del palo. Subito dopo arriva il triplice fischio e a far festa sono il Licata e i suoi tifosi. Per il S.Agata una vera e propria beffa.

Il tabellino. Licata-Città di S.Agata 2-1
Licata: Iacono, Grasso (60′ Rapisarda), Cappello (85′ Cosentino), Favero, Librizzi (43′ Tomarchio), Trevizan, Tumbarello, Pira, Cannavò, Civilleri, Taormina. All. Campanella
Città di S.Agata: Inferrera, Tricamo, Bontempo, Privitera, Scaffidi, Zingales, Lupo (101′ Calafiore), Segreto (123′ Pino), Matera, Mincica, Isgrò. All. Bellinvia
Arbitro: Ferdinando Emanuel Toro di Catania
Assistenti: Joseph Russo di Messina e Paolo Vitaggio di Catania
Marcatori: 24′ Cannavò, 36′ Zingales, 97′ Taormina
Note: Espulso: Civilleri. Ammoniti: Privitera, Mincica, Iacono, Cappello, Favero, Taormina

The following two tabs change content below.

Commenta su Facebook

commenti