Top Spin, impresa sfiorata: 2-3 per l’Hennebont all’andata dei quarti di Europe Cup

Leonardo Mutti (foto di Vincenzo Nicita Mauro)

Ad un soffio dalla grande impresa. Tanto orgoglio ed un pizzico di rammarico per la Top Spin Messina EuCI, battuta per 2-3 a Villa Dante dal GV Hennebont TT, soltanto al quinto set dell’ultimo singolare, nell’andata dei quarti di finale della Europe Cup, ma applaudita dai propri tifosi per le straordinarie emozioni regalate. I clamorosi successi iniziali di Matteo e Leonardo Mutti avevano portato sul 2-0 la squadra del presidente Giuseppe Quartuccio, poi la rimonta dei quotati francesi, in una gara spettacolare che ha tenuto tutti col fiato sospeso.

La Top Spin Messina EuCI con il sindaco Federico Basile (foto di Vincenzo Nicita Mauro)

In panchina il tecnico Wang Hong Liang assistito da Marcello Puglisi e il team manager Roberto Gullo. Direzione arbitrale affidata al giudice arbitro Silvio Morabito, con gli arbitri di sedia Giuseppe Vargetto e Nicolò Antonino. Si è giocato davanti ad una splendida cornice di pubblico, degna degli appuntamenti più importanti, alla presenza del sindaco di Messina, Federico Basile.

Fantastica la prestazione di Matteo Mutti che, aprendo la serie nel migliore dei modi, ha piegato per 3-2 un cliente scomodo come Ioannis Sgouropoulos. Il giocatore della Top Spin è partito fortissimo e, raggiunto dal 5-2 al 5-5 del primo set, ha centrato sei punti consecutivi, aggiudicandosi il parziale. La replica del greco nella seconda frazione. Sotto 3-7, M. Mutti ha saputo comunque rimontare, fino ad operare l’aggancio sul 7-7. L’accelerata finale è stata però di Sgouropoulos che ha prevalso 11-8. Nel terzo il padrone di casa ha annullato all’ospite un set-point (9-10), cedendo al secondo per 10-12. Mai domo, giocando su altissimi livelli, M. Mutti si è rialzato dopo il time-out chiamato sul 3-6 del quarto set, riprendendo l’ellenico e battendolo 11-8. Guadagnatosi il diritto alla “bella”, M. Mutti non ha lasciato scampo al rivale, prendendo il largo (5-1) e passando con un netto 6-2.

Una panoramica della palestra di Villa Dante (foto di Vincenzo Nicita Mauro)

Un meraviglioso Leonardo Mutti si è superato stendendo per 3-2 Kristian Karlsson, numero 21 delle classifiche mondiali, conquistando una vittoria da ricordare. Il primo set è finito nelle mani dello svedese per 11-7, ma il mantovano non si è scomposto ed ha dilagato (9-2) nella seconda frazione, chiudendo 11-6. Nel terzo L. Mutti è rimasto punto a punto con Karlsson fino all’8-8, poi lo scatto dell’atleta dell’Hennenbont è stato quello giusto (11-9). Nel quarto giochi in parità fino al 5-5, dopo è stato L. Mutti a volare via (8-5), andando dritto al traguardo (11-6). Alla “bella”, sostenuto incessantemente dal pubblico, il giocatore lombardo si è portato sul 5-2. Falliti due match-point, al terzo ha potuto finalmente gioire, accompagnato dal boato dei tifosi. Applausi a scena aperta per Leonardo e sensazionale 2-0 in favore della Top Spin.

Esultanza Leonardo Mutti (foto di Vincenzo Nicita Mauro)

Dopo un ottimo avvio Marco Rech Daldosso ha ceduto 1-3 nel terzo singolare al cospetto di un avversario di grande caratura quale Anders Lind. Il bresciano ha spezzato l’equilibrio che durava fino al 6-6, mettendo la freccia e prendendosi il primo set per 11-7. Lind ha risposto grazie all’11-4 del secondo e si è quindi issato al comando della gara passando 11-5 nel terzo. Nel quarto parziale Rech si è rifatto sotto fino al 5-8, poi lo svedese ha nuovamente accelerato e chiuso la contesa per 11-5.

L’Hennebont ha quindi agguantato la Top Spin sul 2-2 in virtù dell’affermazione di Kristian Karlsson contro Matteo Mutti per 3-0. Lo svedese è andato subito in vantaggio, con M. Mutti incollato all’avversario fino al 6-8. Sul 6-10 il padrone di casa ha sventato i primi due set-point, non il terzo concretizzato invece da Karlsson. L’ospite ha poi completato l’opera vincendo 11-3 e 11-4 gli altri due parziali.

Singolare decisivo tra Leonardo Mutti e Ioannis Sgouropoulos. Il padrone di casa si è staccato dal 5-5, incamerando il primo set per 11-6 alla seconda chance utile. Nel successivo è stato il greco a prevalere per 11-8, nonostante la lunga fase di equilibrio sino al 7-7. Dopo l’11-2 per Ioannis Sgouropoulos nel terzo, c’è stata la grande reazione di L. Mutti, abile a conquistare il quarto per 11-9, esultando alla seconda palla set. La “bella”, sulla distanza dei sei punti, cominciata con un 2-2, ha premiato Sgouropoulos, vittorioso per 6-3, facendo calare il sipario sulla sfida. Primo atto, per 3-2, al GV Hennebont TT. La Top Spin Messina EuCI ha comunque vissuto un’altra serata memorabile nella sua storia, accarezzando a lungo il sogno di battere una squadra composta da atleti di assoluto livello, proveniente dalla Champions League.

Il ritorno si giocherà in casa dei transalpini mercoledì 25 gennaio alle ore 19.30. Alla compagine allenata da Wang Hong Liang servirà a tutti i costi una vittoria per ribaltare il risultato dell’andata e conquistare la qualificazione. Con il 3-0 o 3-1 l’accesso alle semifinali avverrebbe in maniera diretta, mentre in caso di successo per 3-2 di Rech e compagni si ricorrerebbe al “Golden Match” al meglio dei tre set.

Top Spin Messina EuCI-GV Hennebont TT 2-3
Matteo Mutti-Ioannis Sgouropoulos 3-2 (11-5, 8-11, 10-12, 11-8, 6-2)
Leonardo Mutti-Kristian Karlsson 3-2 (7-11, 11-6, 9-11, 11-6, 6-4)
Marco Rech Daldosso-Anders Lind 1-3 (11-7, 4-11, 5-11, 5-11)
Matteo Mutti-Kristian Karlsson 0-3 (8-11, 3-11, 4-11)
Leonardo Mutti-Ioannis Sgouropoulos 2-3 (11-6, 8-11, 2-11, 11-9, 3-6)

Autori

+ posts
The following two tabs change content below.