Top e flop della serie B: Monza, Lecce e Cremonese in A, Crotone riparte dalla C

MonzaIl Monza di Berlusconi ha conquistato la serie A (foto Ansa)

La stagione 2021-22 di Serie B è giunta al termine, con i playoff e playout che hanno determinato gli ultimi verdetti su promozioni e retrocessioni. Per il campionato cadetto quest’ultimo anno è stato combattuto, ricco di sorprese ed emozioni, con tante squadre e giocatori di talento, anche per gli addetti ai lavori non è stato semplice dare indicazioni accurate sulle scommesse Serie B. In un equilibrio durato per tutte le 38 giornate disputate, sono diversi i giocatori che sono riusciti a mettersi in mostra, mentre per altri è mancato il salto di qualità. Ecco, dunque, i top e flop del campionato di Serie B appena trascorso!

Cremonese

La Cremonese è una delle tre neopromosse in serie A

Top
Fagioli e la Cremonese
Tra i top di questa stagione di Serie B non possono mancare Nicolò Fagioli e la sua Cremonese, fresca di promozione in A. Il classe 2001 di proprietà della Juventus e in prestito alla formazione grigiorossa, è stato uno dei principali protagonisti del successo di questa annata, culminata con il secondo posto e passaggio nella massima serie. Fagioli ha disputato un ottimo campionato, prendendo in mano le redini del centrocampo. Il giovane e talentuoso prodotto del vivaio bianconero ha collezionato 33 presenze in B, segnando tre reti e fornendo sette assist. La Cremonese ha chiuso la stagione seconda, dietro al Lecce, con 69 punti conquistati e venti vittorie in campionato.

Lecce
Tra tutte le squadre favorite in campionato, il Lecce era forse una delle formazioni meno quotate a vincerlo, dietro a corazzate come Pisa, Monza e Benevento nelle quote scommesse Serie B. I pugliesi però sono stati autentici protagonisti della stagione, recuperando nel girone di ritorno sempre più posizioni e arrivando primi in classifica. Il Lecce ha chiuso con 71 punti e il primo posto, merito soprattutto di un’ottima difesa (solo 31 gol subiti in 38 giornate) e di un Massimo Coda capocannoniere. Per i giallorossi il purgatorio della B è durato dunque solo due anni, dopo aver perso in semifinale playoff l’anno precedente.

Lecce

Il Lecce torna in serie A dopo una splendida cavalcata

Massimo Coda
Così come per il Lecce, tra i top non può non esserci il capocannoniere della stagione di B, Massimo Coda. Il bomber di Cava de’ Tirreni ha chiuso l’anno con 20 reti segnate, di cui sei su rigore, oltre a ben 10 assist. Coda era arrivato in estate dal Benevento a titolo gratuito e a 33 anni ha portato tutta la sua esperienza e freddezza sotto porta alla formazione pugliese.

Ascoli
L’Ascoli è stata una delle formazioni rivelazione dell’ultimo campionato, riuscendo nell’impresa di conquistare i playoff grazie al sesto posto in classifica. I marchigiani hanno disputato un’annata al di sopra delle aspettative, raccogliendo ben 65 punti, quando nelle scommesse Serie B erano quotate più per la salvezza. Ai playoff l’Ascoli è uscito comunque a testa alta, perdendo in casa 1 a 0 contro il Benevento e al gol di Lapadula nel primo tempo.

Crotone

Per il Crotone è la seconda retrocessione consecutiva

Flop
Crotone
Tra i principali flop del campionato di Serie B 2021-22 c’è sicuramente il Crotone, formazione che negli ultimi anni se l’è sempre giocata per i vertici e invece è retrocessa in C. Gli squali hanno chiuso la propria stagione al penultimo posto, davanti al fanalino di coda Benevento, con soli 26 punti. Un’annata iniziata male e finita nel peggiore dei modi per i calabresi, che hanno vinto solo 4 gare su 38 disputate, subendo ben 61 reti.

Parma
Altra grande delusione dell’ultima stagione di B è il Parma di Iachini, club che con ben altre ambizioni non è riuscito a confermarsi tra i top del campionato. Gli emiliani, che potevano vantare in rosa giocatori come Buffon, Vazquez e Pandev, non sono andati oltre il 12° posto in classifica, mancando così i playoff. Il Parma ha faticato durante tutto l’anno, pareggiando spesso (ben 16 volte) e senza avere continuità di risultato. Nelle ultime cinque uscite, in particolare, sono arrivate tre sconfitte di fila che hanno impedito al Parma di posizionarsi tra le migliori 8 della classifica.

Florian Ayé
Altro flop, ma stavolta tra i giocatori, è stato l’attaccante Florian Ayé del Brescia. La giovane punta, chiamata al definitivo salto di qualità, non è riuscito ad incidere come molti speravano, chiudendo la stagione con sole quattro reti segnate.

Autori

+ posts
The following two tabs change content below.