Team Scaletta, Haruyama: “In Italia grande aggressività. Vorrei arrivare in serie A”

Ay Haruyama con le compagne del Team ScalettaAy Haruyama con le compagne del Team Scaletta

È stata il colpo di mercato invernale del Team Scaletta che domenica sul campo della Spartak Caserta inseguirà per il secondo anno di fila la salvezza diretta in Serie A2 di calcio a 5 femminile senza la necessità di passare dagli insidiosi playout.

Team Scaletta

Un time-out del Team Scaletta

La centrale giapponese Ai Haruyama ha dato nuove certezze alla squadra allenata da Ivana Cernuto e direttamente dai canali del club ha raccontato come sta vivendo quest’esperienza a Messina: “Il mio fidanzato gioca qui in Sicilia e questo ha facilitato il mio arrivo al Team Scaletta. In squadra ho trovato delle belle persone, sempre molto disponibili con me e questo mi fa sentire bene”.

Rispetto al Paese d’appartenenza le differenze a livello concettuale e tecnico in chiave futsal sono però evidenti: “Del Giappone mi manca soprattutto il cibo. In Italia il futsal è più energico, qui si aggredisce molto la palla, mentre lì si fa giocare di più l’avversario. Il cartone animato Holly e Benji è molto conosciuto in Italia e mi ha incuriosito tanto da portarmi a provare prima il calcio a 11 e poi il futsal”.

In conclusione gli obiettivi per l’ex giocatrice di Fondi e Perugia sono molto ambiziosi: “Il mio obiettivo è arrivare a giocare in serie A e provare a vincere scudetto e Coppa Italia”.