A Siracusa partito il circuito Seven regionale di rugby

Logo SicilrugbyFortemente voluto dal Presidente del Comitato Regionale Siciliano F.I.R. nonché manager della nazionale italiana Seven, Orazio Arancio, è partito domenica alle 16 il circuito rugby Seven regionale, con la prima tappa che si è tenuta allo Stadio “De Simone” di Siracusa. La tappa, promossa dal Comitato Regionale Siciliano della Federazione Italiana Rugby ed organizzata dalla Syrako Rugby Club 1989 in collaborazione con Gianni Saraceno, delegato provinciale FIR Siracusa, ha rappresentato il primo di tre appuntamenti in programma. L’obiettivo, è dare alla variante olimpica del rugby, che esordirà alla XXXI Olimpiade del 2016 di Rio de Janeiro, in Brasile, la visibilità ed il riconoscimento che merita anche in Sicilia, terra a storica vocazione rugbystica che molto può dare al Seven e dallo stesso ricevere, nell’ottica del rilancio del movimento isolano della palla ovale e di un reciproco potenziale molto alto in termini sportivi, atletici, agonistici e di popolarità.

Orazio Arancio

Orazio Arancio

Alla tappa siracusana hanno preso parte l’Accademia Federale di Catania, terza nel campionato di categoria e che ha ben figurato nel recente torneo Seven di Bologna, oggi classificatasi prima con tre vittorie, seguita dal CUS Catania, approdato alla C1 nazionale e assoluto protagonista nella under 18 élite. Terzo posto per i padroni di casa della Syrako, seguiti dalla solida formazione delle Aquile Enna. Una giornata di divertimento e correttezza  in un importante “palcoscenico”: il “Nicola De Simone” che oggi ha aperto le porte allo spettacolo del Seven, grazie alla concessione dell’impianto da parte del Comune di Siracusa e dello Sport Club Siracusa Calcio. Prima dell’inizio degli incontri, gradita visita di Diego Dominguez, accompagnato dal Presidente Arancio, che si è intrattenuto con gli atleti e si è complimentato con i giovani dell’Accademia complimentandosi per i risultati conseguiti e tratteggiando scenari per il loro futuro agonistico.

The following two tabs change content below.

Commenta su Facebook

commenti