Simone Inzaghi: “Serpieri è un gran giocatore. A Messina può fare bene”

Se in estate il mercato del Messina era stato a trazione campana, con le conferme di Iuliano ed Enrico Pepe e l’arrivo di ben cinque calciatori nati nelle province di Napoli e Salerno (Altobello, Donnarumma, Nigro, Vincenzo Pepe ed Orlando), il 2015 si è aperto nel segno della Capitale. Al romano della Magliana Amato Ciciretti, romanista di cartellino, ed al concittadino Manuel Mancini, cresciuto nelle giovanili della Lazio, si è aggiunto infatti un biancoceleste di Civitavecchia, il difensore Riccardo Serpieri.

Simone Inzaghi allena la Lazio "Primavera" da un anno. Ha vinto Coppa Italia (con il neo-giallorosso Riccardo Serpieri in campo) e Supercoppa

Simone Inzaghi allena la Lazio “Primavera” da un anno. Ha vinto Coppa Italia (con il neo-giallorosso Riccardo Serpieri in campo) e Supercoppa

Ad ufficializzarlo è stata anche la società di Pietro Lo Monaco, che ha annunciato come il 20enne sia giunto in riva allo Stretto con il nulla-osta della società di Lotito, per cui è tesserato. Sarà valutato dallo staff tecnico prima dell’eventuale ratifica dell’accordo. Serpieri è reduce infatti da un brusco infortunio, che non ha comunque offuscato il ricordo per i numeri mostrati negli ultimi anni.

A lodarne le qualità l’attuale allenatore della formazione “Primavera” della Lazio Simone Inzaghi, che la nostra Redazione ha contattato telefonicamente: “Riccardo era il mio capitano, davvero un gran giocatore. È reduce da un’operazione al crociato e quindi ritengo che ci vorranno due o tre settimane prima di vederlo al meglio della forma. Ad ogni modo ha le qualità per fare bene in Lega Pro ed a Messina, in quella che rappresenta la sua prima esperienza in un campionato professionistico”.

Simone Inzaghi è recordman di realizzazioni in Uefa con la maglia biancoceleste: 20 gol, quattro nel 5-1 contro il Marsiglia in Champions League

Simone Inzaghi è recordman di realizzazioni in Uefa con la maglia biancoceleste: 20 gol, quattro nel 5-1 contro il Marsiglia in Champions League

Per Serpieri, che è andato in panchina in occasione della sfida di campionato con la Sampdoria e di Europe League a Madrid contro l’Atletico, non rappresenteranno comunque una novità gli allenamenti con atleti più esperti di lui. Inzaghi rivela infatti che “l’anno scorso Riccardo si allenava spesso con la prima squadra, alle dipendenze di Petkovic prima e Reja poi. Giocava poi da “fuori quota” con la “Primavera”. La sua esperienza è stata ricca di successi significativi. Con il mio predecessore, Alberto Bollini, in panchina, ha conquistato lo Scudetto, mentre insieme abbiamo vinto la Coppa Italia (che la Lazio non alzava peraltro da 35 anni, ndc). Ad ottobre abbiamo conquistato infine la prima, storica, Supercoppa, ma Serpieri era già fuori per infortunio”.

Simone, fratello del tecnico del Milan Filippo, è il calciatore con il maggior numero di reti realizzate nelle competizioni UEFA per club con la maglia della Lazio: ben 20. Dopo i trascorsi da giocatore ha intrapreso la nuova avventura in panchina. Il suo collega Grassadonia è a corto di centrali: appena due quelli a disposizione, Stefani e De Bode, per via della squalifica di Altobello e degli infortuni di Silvestri ed Enrico Pepe. Inzaghi svela comunque che tra le doti del 20enne romano c’è anche la duttilità: “Riccardo con me ha sempre giostrato da centrale difensivo, ma ha giocato da terzino negli “Allievi” della Lazio. Per cui il Messina potrà fare affidamento anche su questo aspetto, in caso di necessità”.

Simone Inzaghi ha ereditato la panchina della "Primavera" biancoceleste da Alberto Bollini, che vinse lo Scudetto 2013 con Serpieri in campo

Simone Inzaghi ha ereditato la panchina della “Primavera” biancoceleste da Alberto Bollini, che vinse lo Scudetto 2013 con Serpieri in campo

Per un difensore che si allena già al “Celeste” e sembra quindi destinato ad indossare il giallorosso, un altro che si accasa altrove. Alberto Cossentino, palermitano con un passato in rosanero ed a Novara, l’anno scorso alla Torres, era stato affiancato nelle ultime ore ai giallorossi. Raggiunto telefonicamente, il suo procuratore Francesco Caliandro, che assiste tra l’altro anche il leccese Fabrizio Miccoli, ha però scartato l’ipotesi Messina. E nel tardo pomeriggio infatti è arrivata l’ufficializzazione dell’accordo con l’Aversa Normanna di Sasà Marra.

The following two tabs change content below.

Commenta su Facebook

commenti