La Siac supera il Limina ed è promossa con due turni d’anticipo

Fabrizio Lipari e Davide Romano

Non può che essere soddisfatto il tecnico della SIAC Luigi D’Alessandro per la promozione appena conquistata. Grazie alla vittoria sul Limina per 2-1 i bianco-azzurri approdano in Seconda Categoria con due giornate d’anticipo. “Sognavo da molto tempo questo momento – ha detto l’allenatore bianco-azzurro. Dopo uno straordinario campionato con 21 vittorie e solo 3 pareggi  abbiamo chiuso il discorso promozione solo a due giornate dal termine, questo testimonia che è stato un girone davvero sorprendente. Tuttavia è stato molto bello ed emozionante”. Vittoria che è arrivata nei minuti finali quando ormai la partita stava andando in archivio con il risultato di 1-1: “Siamo felici che alla fine siamo riusciti ad avere la meglio sul Limina – ha continuato D’Alessandro -, se non avessimo vinto saremmo stati costretti a rimandare la festa. Non posso che essere contento per il traguardo raggiunto, ma sopratutto di aver vinto con persone che oltre ad essere dei giocatori sono anche amici nella vita. Il prossimo obiettivo? Mantenere l’imbattibilità”.

Il tecnico della SIAC Luigi D'Alessandro

Il tecnico della SIAC Luigi D’Alessandro

A sbloccare la partita è stato il centrocampista Fabrizio Lipari con una conclusione che non ha lasciato scampo all’estremo difensore. Per il giocatore bianco-azzurro si tratta del quarto gol stagionale. “ Segnare in questa partita è stato davvero bello – ha detto Lipari-.  Ho ricevuto palla da centrocampo e dopo averla stoppata, ho puntato e saltato l’avversario, di sinistro l’ho poi piazzata nell’angolino basso dove il portiere non poteva arrivare. Dopo un anno di sacrifici e di grandi sofferenze – continua il centrocampista – siamo riusciti a centrare l’obiettivo e sono contento di aver festeggiato la promozione con questo fantastico gruppo.  Dedico il gol e la vittoria del campionato a mia moglie che ha assistito alla partita dagli spalti”.
E’ nei minuti finali che la SIAC riesce a dare il via alla festa grazie al suo capitano, Davide Romano, che si è fatto carico di ogni responsabilità e con freddezza ha realizzato il calcio di rigore che ha consegnato la matematica promozione in Seconda Categoria: “Aspettavamo questo momento dalla prima giornata di campionato – ha detto Romano. Abbiamo lottato contro tutto e tutti dimostrando di essere i più forti”. Il capitano ripensa agli attimi che hanno preceduto il tiro dagli undici metri: “Ammetto che subito prima di battere il calcio di rigore ero un po’ teso, in quanto, tutto dipendeva da me. Ho solo pensato che dovevo fare gol e così è stato. Promozione che dedico alla mia ragazza che era presente in tribuna a sostenermi. Il mio futuro? Preferisco pensare al prossimo obiettivo, ovvero quello di mantenere l’imbattibilità. Al resto ci penserò quando sarà il momento”.

The following two tabs change content below.

Commenta su Facebook

commenti