Sconfitta indolore per la Clc Messina nel derby con il Cus Catania: arriva la salvezza

Le fasi di una mischia ( foto V. Nicita Mauro)

La CLC Messina esce sconfitta 42-27 dal campo del Cus Catania al termine di una partita dai 2 volti: primo tempo di marca nettamente etnea e il secondo con i messinesi all’arrembaggio. Ma la concomitante sconfitta dell’Arechi Salerno a Colleferro per 48-17 permette di archiviare in cassaforte la permanenza in B della CLC.

La salvezza matematica conquistata alla quart’ultima giornata fa passare in secondo piano la cronaca di una partita che ha visto la CLC abulica e alla deriva per tutto il primo tempo. La posta in palio, giocando in casa, era sicuramente più alta per il Cus. La vittoria infatti, garantisce alla squadra di Carlo Leonardi, il prossimo campionato di B e i messinesi nel primo tempo hanno faticato a contenere la verve dei padroni di casa. Nella seconda frazione però l’orgoglio ha fatto la sua parte e le quattro mete di Solano, Miduri, Soldano e Tornesi hanno fruttato un prezioso punto di bonus.
Questo il tabellino:

Cus Catania – Clc Messina 42-27

Marcatori: 5′ Cp Solano, 12′ meta Stracquadanio tr Nocera, 16′ meta Di Sano tr Nocera, 26′ meta Agosta tr Nocera, 28′ meta Irato tr Nocera, 39′ meta Agosta tr Nocera. 42′ meta Virzì tr Nocera, 63′ meta Solano tr Solano, 68′ meta Miduri tr Solano, 73′ meta Soldano, 79′ meta Tornesi.
Cus Catania: Di Mauro, Castello, Virzì, Finocchiaro, Stracquadanio, Anile, Ravalle, Di Sano, Irato, Rizzo, Russo, D’Arrigo, Russo II, Agosta. Manola, Mammana, Camorale, Bonaccorso, Frizzi, Toscano, Crocellà.
CLC Messina: Ara, Mancini, Cekaj, Libro, Soldano, Solano, La Foresta, Blandino, Nunnari, Tornesi, Rugolo, Fracassi, Saccà, Miduri, Asaro. Galletta, Bellinvia, Scolaro, Spanò, Pidalà, Longo, Privitera.
Arbitro: Carmelo Censabella di Catania

Commenta su Facebook

commenti

WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com