Sciotto: “Si sta realizzando un sogno. Voglio riportare il Messina in Serie A”

Pietro SciottoPietro Sciotto all'ingresso di Palazzo Zanca (foto Giovanni Chillemi)

Pietro Sciotto, l’imprenditore dell’automotive che questa mattina ha presentato la manifestazione d’interesse per il rilancio del calcio messinese, si avvicina sempre di più ad essere il nuovo presidente della società giallorossa. “Penso di sì, potete chiamarmi presidente” ammette lo stesso Sciotto. Da oggi, infatti, non sembrano più esserci dubbi nella corsa al titolo di serie D richiesto dall’Amministrazione Comunale alla Lega.

Pietro Sciotto

Pietro Sciotto dovrebbe ricevere dal sindaco Accorinti il mandato per l’iscrizione in Serie D (foto Giovanni Chillemi)

“Si sta realizzando un sogno che avevo fin da quando allenavo all’età di 25 anni. Voglio riportare il Messina in Serie A” aggiunge ai nostri microfoni dopo l’incontro avuto a Palazzo Zanca.

Sciotto, poi, ammette senza paura: “Sono convinto di poter andare avanti da solo, ma non chiudo le porte a nessuno, però se nessuno dovesse farsi avanti sono disposto ad andare avanti da solo. Siamo molto in ritardo, ora aspettiamo il sindaco per formalizzare tutto. In settimana cercheremo di concretizzare con l’allenatore e di iniziare a formare la squadra. Partiremo da domani quando il sindaco ci darà l’ok”.

Il pensiero è quindi rivolto alla piazza: “Spero di poter accontentare i tifosi, anzi ne sono convinto. Credo di essere competente e sicuramente ho entusiasmo da vendere. Gli obiettivi sono quelli di avere un bilancio in ordine e i risultati. Nel nostro progetto c’è il dover ripartire dal “Celeste”, che dovrà essere una bolgia e il nostro futuro. Voglio i tifosi tutti uniti, devono credere in me”.

Pietro Sciotto, Presidente in pectore ACR Messina​

Il #Messina di Sciotto potrebbe chiamarsi ancora ACR, “Associazione Calcio Rilancio”.Pietro Sciotto, Presidente in pectore ACR Messina, intercettato da Daniele Straface.Immagini Giovanni Chillemi

Publié par Messina Sportiva sur lundi 24 juillet 2017

Commenta su Facebook

commenti