Rocca di Caprileone, Biondo avverte tutti: “Dimentichiamo il 4-0, sarà un altro Acireale”

Santino Biondo

Tutto in 90 minuti. Il Rocca di Caprileone si appresta a vivere l’avvincente esperienza dei playoff, giusto premio per una stagione esaltante, che ha visto i ragazzi di Santino Bellinvia competere dalla prima all’ultima giornata per le posizioni che contano, tanto da finire dietro solo all’Igea Virtus. Il passato però adesso non conta, da questo momento inizia un altro campionato dove non sono più ammessi errori. Il Rocca però avrà dalla sua un Santino Biondo in stato di grazia, voglioso di trascinare a suon di gol il Rocca verso quel sogno chiamato Serie D.

Rocca di Caprileone

Una conclusione di Biondo

Il primo ostacolo si chiama Acireale, che domenica vorrà riscattare il pesante 4-0 subito poche settimane fa proprio per mano del Rocca. Un risultato rotondo per una domenica da incorniciare, ma domani sarà tutta un’altra storia: “Quella è acqua passata – ha spiegato Biondo – era una partita di campionato, questa è una gara valida per i playoff dove chi perde è fuori dai giochi definitivamente. Non dobbiamo pensare a quello che è successo quindici giorni fa altrimenti rischiamo di avere brutte sorprese, quel 4-0 ormai è scritto negli almanacchi ma domenica si parte dallo 0-0. Siamo consapevoli di avere tutte le carte in regola per poter passare il turno e giocarcela fino alla fine. Sicuramente affronteremo una squadra completamente diversa, in quell’occasione lasciarono diversi giocatori in panchina ma domenica verranno qui per vincere”.

L'esultanza di Biondo Rocca di Caprileone

Biondo celebra una delle sue reti

Il Rocca avrà il vantaggio di poter contare su due risultati su tre, ma questo non sembra dare tranquillizzare Biondo: “Giocare per il pareggio in occasioni del genere può essere pericoloso, dobbiamo sempre giocare per vincere la partita – ha continuato – credo però che quelli che hanno tutto da perdere siano loro, perché la stagione del Rocca è già straordinaria e può solo migliorare. L’Acireale è partita per vincere il campionato e si ritrova a dover affrontare un playoff dopo aver finito al quinto posto”.

Per ironia della sorte Biondo si ritrova davanti una delle squadre maggiormente interessate a lui per la prossima stagione: “Già a dicembre mi avevano contattato, ma non me la sono sentire di lasciare i miei compagni e cambiare squadra e per il momento la storia di questa stagione mi ha dato ragione. Al mio futuro penserò una volta chiusa questa stagione con il Rocca, mi piacerebbe tornare a giocare in Serie D ma anche un’Eccellenza giocata con ambizioni di promozione non mi dispiacerebbe”.

Commenta su Facebook

commenti