Rocca di Caprileone, Scolaro è carico: “Questa squadra può e deve salvarsi”

A.Scolaro e Nardini di spalle

Il Rocca di Caprileone è pronto a ripartire. Gli ultimi 180 minuti di regular season valgono tantissimo, forse anche la salvezza diretta, obiettivo difficile ma non impossibile. Le due gare restanti pesano allora tantissimo nell’ottica di una stagione che ha visto la compagine tirrenica mostrare due volti. Il primo, quello impacciato ed insicuro del girone d’andata, dove il campionato sembrava aver preso una piega davvero complicata, il secondo quello di una formazione capace di ogni risultato nel girone di ritorno.

Rocca di Capri Leone

Dopo venti giorni sosta, Alessio Scolaro è pronto al rush finale, a partire dalla sfida con il Belpasso, gara che sulla carta non dovrebbe offrire sorprese: “Abbiamo lavorato anche in questi giorni di sosta, non vogliamo lasciare nulla al caso e giocarci fino all’ultimo le nostre chance di salvezza diretta. La gara con il Belpasso è insidiosa, teoricamente dovremmo vincere abbastanza agevolmente ma abbiamo tutto da perdere. Dovremo essere concentrati e non sottovalutare l’avversario”.

Nonostante tutto però la salvezza diretta non dipende dal Rocca: “Questo ci dà un po’ fastidio – commenta Scolaro – purtroppo dipende anche dai risultati delle nostre dirette inseguitrici, in alcune partite siamo stati sfortunati, vedi ad Avola o a Rosolini. Ci faremo comunque trovare pronti anche per i playout, in ogni modo dovremo conquistare questa permanenza in Eccellenza”.

Rocca (foto Zangla)

Per Scolaro, il Rocca della seconda parte di stagione ha dimostrato di potersela giocare a viso aperto con chiunque: “Abbiamo vinto con il San Pio X, pareggiato con il Sant’Agata e rimasti in partita ad Acireale, stiamo parlando di squadre fatte per puntare alla promozione. Dispiace, perché c’è il rammarico che se avessimo giocato fin da subito così la nostra classifica sarebbe molto migliore. I numeri sono dalla nostra parte, nel girone d’andata abbiamo fatto 12 punti, mentre finora ne abbiamo conquistato 22 con due partite ancora da giocare. Ci manca qualche punticino in qualche partita della prima parte di stagione in cui abbiamo conquistato meno di quanto meritassimo. La squadra era nuova, tanti ragazzi non si conoscevano ancora e serviva trovare la giusta amalgama”.

In vista degli eventuali playout, Scolaro punta sul fattore campo: “Non ho preferenze, comunque affronteremo un’ottima squadra, ma noi puntiamo a giocare in casa e se non riusciremo a salvarci direttamente punteremo a giocare davanti al nostro pubblico. Questo per noi è fondamentale. Questa squadra ha dimostrato di avere carattere e qualità per poter affrontare qualsiasi tipo di squadra anche in trasferta”.

Commenta su Facebook

commenti