Riolo e l’Audi Quattro protagonisti del Rally e del Master Show a Monza

L’asso siciliano di Cerda navigato dal toscano Alessandro Floris star dello spettacolo all’autodromo brianzolo dove ha esaltato la vettura su un fondo non congeniale alla 4×4 tedesca, concludendo al terzo posto in classifica generale ed infiammando il pubblico durante la spettacolare prova conclusiva in diretta RAI.

Totò Riolo, tra i favoriti della vigilia

Totò Riolo, tra i favoriti della vigilia

Totò Riolo ed Alessandro Floris su Audi Quattro A2 hanno concluso sul podio il Monza Rally Show 2014 e sono stati star del Master Show finale. Il pilota palermitano di Cerda e l’esperto navigatore toscano dell’Isola d’Elba, portacolori Piacenza Corse, hanno interpretato al meglio la competizione brianzola, portando fino al terzo posto generale ed al secondo di 4° raggruppamento l’Audi Quattro, vettura per cui il tracciato ricavato sulla pista teatro del GP d’Italia di F.1, non è per nulla congeniale.

Si è rivelata fondamentale l’esperienza del driver siciliano per riuscire ad ottimizzare le regolazioni d’assetto della macchina che per via della voluminosità e della mancanza del freno a mano, non rappresenta la tipologia di vettura ottimale per la gara show monzese, dove si è presentato sempre un fondo molto viscido a causa della pioggia e dell’umidità. Un ottimo risultato finale completato dal successo nella prova speciale 4.

Un Monza Rally Show molto impegnativo, ma l’emozione unica di vivere il Master Show davanti alle tribune gremite di pubblico ci ha ripagato di ogni sforzo – ha spiegato Riolo – il team Balletti ci ha perfettamente coadiuvato concretizzando in regolazioni ogni richiesta di modifica. Abbiamo dato il massimo e la macchina ha risposto bene, purtroppo eravamo consapevoli che il tracciato non è congeniale ad una 4×4 di dimensioni generose e priva del freno a mano, decisivo nelle inversioni. Il risultato finale ci lascia molto contenti. Adesso pensiamo già all’impegno al Motor Show di Bologna”.

The following two tabs change content below.

Commenta su Facebook

commenti