Rigoli: “Un punto guadagnato. Dobbiamo migliorare la gestione del possesso”

Santa Maria CilentoMaggio cerca un compagno, Fc in ripiegamento (foto Roberto Paciello)

Per Pino Rigoli soltanto un punto all’esordio sul campo del Santa Maria Cilento. Il tecnico del Fc Messina guarda però la metà piena del bicchiere: “Dobbiamo sempre considerare il punto di vista da cui si guardano le cose. Alla fine credo che sia stato un punto guadagnato perché sono le classiche partite che non riesci a sbloccare, nonostante alcune situazioni. Giocavamo contro una buonissima squadra, fare punti qui non è facile”.

Mukiele

Mukiele in azione contro il Santa Maria (foto Roberto Paciello)

L’ex tecnico di Catania e Akragas loda l’atteggiamento dei suoi: “La mia squadra l’ho vista dedita al sacrificio, tutti hanno sudato la maglia, compresi i panchinari. Ho già parlato con loro negli spogliatoi facendogli i complimenti: è solo un buon punto di partenza, ma c’è tanto lavoro da fare. Sono convinto che in poco tempo miglioreremo, senza mai dimenticare i risultati, che ci interessano per il campionato che vogliamo fare”.

Rigoli ha schierato la squadra con ben sei under, due in più di quelli imposti dai regolamenti, anche per le assenze dei vari Coria, Dambros e Barnofsky: “Gli under sono ragazzi di 18-20 anni relativamente giovani. Io l’ho detto sin dal mio primo giorno nello spogliatoio, non guardo la carta d’identità. Abbiamo in rosa dei ragazzi da far crescere e possiamo capire se sono pronti soltanto facendoli giocare. Ho avuto buone risposte da under e over, ma c’è tanto da fare. Non è una frase fatta, abbiamo giocato con una disposizione tattica differente rispetto al passato e devo dire che in tre giorni abbiamo già espresso qualcosa d’interessante. Dovremo migliorare la qualità del nostro gioco ma questo punto è importante per il proseguo”. 

Carbonaro

Carbonaro in fase di copertura (foto Roberto Paciello)

Il centrocampo non è riuscito a rifornire con continuità il reparto offensivo: “Loro per sessanta minuti e soprattutto nel primo tempo si abbassavano tutti dietro la linea della palla e diventa difficile scardinare quest’assetto difensivo. Acceleravamo le giocate e puntualmente gli facilitavamo il gioco. Le uniche occasioni avversarie nascono da errori gratuiti nostri. Dobbiamo migliorare la gestione della palla. Abbiamo creato alcune occasioni con Ebui e Mukiele, potevamo sfruttarle meglio e un’altra buona occasione che la nostra punta centrale doveva lasciare scorrere per Carbonaro: poteva andare diversamente. In definitiva mi è piaciuto l’atteggiamento della squadra, se lo manterremo e lo miglioreremo potremo dire la nostra in questo campionato”.

RESTA SEMPRE AGGIORNATO

MessinaSportiva