Prova di forza dell’Effe Volley, il Pedara piegato 3-0 al PalaBucalo

Esultanza delle ragazze dell'Effe Volley

L’Effe Volley Santa Teresa supera con un netto tre a zero il Planet Strano Light, terza forza del campionato, e raggiunge con sei di turni di anticipo la matematica salvezza. Una serata da dimenticare per una le etnee, la gara non è mai stata in discussione ad eccezione di un breve periodo del secondo parziale. Ferma al palo Andreea Serban, ai nastri di partenza formazione con Sara Casale ed Ale Maccarrone di banda, Verdiana Saporito opposta , il duo MerciecaMunafò dal centro, Valeria Mucciola in regia e Floriana Cosentino libero. Sull’altro fronte Graziella Lo Re affiancata dalla Incognito a guidare il team allenato dalla esperta Ina Baldi.

Il team dell'Effe Volley Santa Teresa

Il team dell’Effe Volley Santa Teresa

Sin dalle prime battute le padrone di casa imprimono al match Il loro ritmo. La determinazione e la voglia di dar seguito al blitz esterno contro il Gallico producevano prima l’8-4, poi il 16-9 ed  il definitivo 25-21. Sul 23-18 cambio tecnico con l’ingresso di Valentina Cicala in luogo di Alessandra Maccarrone.

Il secondo set risultava decisivo per l’esito finale dell’incontro. Si iniziava punto su punto,  poi il capitano ospite Graziella Lo Re con una insidiosa sequenza di battute metteva in crisi la ricezione avversaria creando un distacco massimo di 6 punti (6-12). Ma la fame di vittorie delle santateresine è più forte della voglia di rimettere la partita in equilibrio da parte delle catanesi ed allora con un break di 7 a 1 (Maccarrone in battuta) si giunge sul 13 pari. Il sorpasso è si materializza sul 16 -15, da allora in poi è un monologo della squadra di casa. Sospinta da una strepitosa cornice di pubblico la compagine jonica lascia alle avversarie solo due punti sino alla fine del parziale che si chiude sul 25-18. Inutili i cambi operati dall’allenatrice ospite che sostituiva pure il libero sul 22-16. Sul 24-17 solita sostituzione tattica di Andrea Caristi con Valentina Cicala al posto di Alessandra Maccarrone.

Verdiana Saporito

Verdiana Saporito

Il terzo ed ultimo set segnava la resa del Planet che veniva tenuto in gioco soltanto dalla impressionante serie di errori in battuta del S. Teresa (una costante dall’inizio della stagione) ben otto punti su sedici. Sul 23-15 doppio cambio operato dall’allenatore di casa che inseriva Gabriella Girone e la sempreverde Simonetta Casale in luogo Mercieca e Mucciola. Alla fine 25-16 e tre a zero con il tripudio degli “Eagles” della curva rinforzati da un nutrito gruppo di tifosi reggini a sostegno della palleggiatrice Valeria Mucciola.

La vittoria rincuora la società ed l’ambiente tutto che finalmente rivede la squadra di inizio torneo e si prepara ad una chiusura di campionato in grande spolvero. La squadra aveva bisogno di riacquistare quella fiducia che aveva perso nei primi due mesi dell’anno, un roster giovane guidato dalla esperta Sara Casale che ha bisogno sempre di essere al tempo stesso stimolato e coccolato.

La prestazione di sabato sera ci consegna la crescita sia dei singoli che del collettivo con Sara Casale e Verdiana Saporito bocche di fuoco scatenate (17 punti a testa), Mercieca e Munafò puntuali dal centro sia in attacco che a muro. Maccarrone a ricucire il gioco con il suo lavoro prezioso ed a tratti oscuro. Brillante in regia Valeria Mucciola – per lei anche 3 punti – che prende sempre più confidenza con le compagne. In crescita tecnico-tattica ed anche di convinzione ed autostima il libero Floriana Cosentino, vera rivelazione di questa squadra al primo torneo di B dopo 24 anni. Anche le seconde linee sempre pronte a dare il proprio contributo. Unico neo, lo ripetiamo, sono i continui errori in battuta con  le messinesi che hanno regalato alle avversarie  quasi un terzo dei punti totali, 16 su 55. Un fondamentale sul quale Andrea Caristi dovrà lavorare parecchio da qui a fine anno se si vuole evitare di regalare punti preziosi che potrebbero risultare ben più pesanti in match dall’andamento più equilibrato.

Andrea Caristi (Effe Volley)

Andrea Caristi (Effe Volley)

Felice a fine gara l’allenatore messinese, che dopo aver ricevuto i complimenti dei tifosi per la raggiunta salvezza, si concede ai microfoni: “Gara preparata molto bene che ci consente di chiudere il campionato con tranquillità ma con grande voglia di lottare sino alla fine, adesso avremo anche il tempo di valutare con calma e senza alcun tipo di ansia l’organico attuale anche in proiezione futura. Le ultimi partite serviranno anche per questo”.

Disponibile nel post partita, nonostante la sconfitta, anche Ina Baldi, allenatrice del Catania: “Vittoria meritata per il S. Teresa che ha disputato un’ottima gara preparata tatticamente molto  bene, noi dal canto nostro non siamo mai entrati di fatto in partita, speriamo di rifarci da qui alla fine”.

Tabellino:

Effe Volley S. Teresa – Strano Light Catania 3-0 (25-21. 25-18. 25-16)

Effe Volley S. Teresa: Mucciola 3, Mercieca 9, Maccarrone 3, Munafo’ 7, Casale Sara 17, Saporito 17, Cosentino (L), Cicala 1, Casale Simonetta, Girone, Mantarro, Micali. Allenatore: Caristi

Planet Strano Light Catania: Lo Re 12, Nuccio, Tracina’, Mirabella (L2), Incognito 4, Bachini, De Luca 4, Finicchiaro (L1), Rapisarda 2, Nicolosi 2, Chiesa 5, Privitera, Marino. Allenatore: Baldi

Arbitro: Ciaccio da Palermo. Secondo: Lopez da Palermo. Segnapunti : Dario Triolo.

Commenta su Facebook

commenti