Per il CUS Unime è il momento del riscatto dopo un inizio di stagione a marce basse

Cus UnimeCus Unime calcio

Archiviata la netta e rotonda sconfitta subita dal CUS Unime nell’ultimo turno di campionato per opera del Real Zancle (3-0), per il CUS Unime è arrivato il momento del pronto riscatto, dopo aver collezionato appena un punto nelle prime due giornate del campionato di Terza categoria. Dopo lo 0-0 della prima uscita (al Bonanno contro la matricola Atletico Pagliara) i ragazzi allenati da Mister Smedile escono con le ossa rotte del big match della seconda giornata giocato allo Stadio Gescal, subendo uno 0-3 forse troppo severo per quanto mostrato in campo. I gialloblu, infatti, si rendono protagonisti di una buona partita, esprimendo un bel gioco e creando anche diverse palle gol.

Alcune clamorose disattenzioni collettive, però, costano caro a Iacopino e compagni e ne approfitta il Real Zancle che realizza due gol in fotocopia per il 2-0. Poi arriva la terza rete su rigore ed il risultato si arrotonda oltre misura.
“Siamo dispiaciuti per la brutta sconfitta di sabato scorso – dichiara il tecnico cussino Roberto Smedileil risultato ci punisce oltremodo, in quanto abbiamo giocato una buona partita per tutti i 90 minuti. Abbiamo pagato a caro prezzo, però, alcune brutte disattenzioni e siamo stati immediatamente colpiti dagli avversari che, comunque, dal canto loro meritano pienamente i 6 punti in classifica. Con i ragazzi abbiamo ragionato con molta attenzione sugli errori commessi e siamo prontissimi per reagire: sappiamo di poter fare meglio e già da subito ci siamo messi a lavorare con tanta serietà e dedizione, concentrati al massimo per raggiungere già dal prossimo turno una vittoria importante per non rimanere troppo lontani dalle zone che contano”.

Commenta su Facebook

commenti