PalaTracuzzi danneggiato, l’Akademia: “Valutiamo il trasferimento in provincia”

PalaTracuzziIl parquet del PalaTracuzzi è saltato per via delle infiltrazioni

Le società utilizzatrici del PalaTracuzzi dicono basta e alzano la voce senza celare la propria insofferenza a seguito dell’ennesimo allagamento che nei giorni scorsi ha reso inutilizzabile in vaste zone il parquet della struttura di via Rocca Guelfonia. I responsabili delle diverse compagini accusano senza mezzi termini il Comune di avere sottovalutato il problema della riqualificazione del tetto ormai vetusto della struttura, che non ha retto le recenti piogge e adesso la partita sembra persa ancora prima di cominciare.

Akademia Sant'Anna

L’Akademia Sant’Anna durante l’amichevole con il Dea Polistena

Il presidente dell’Akademia Sant’Anna Fabrizio Costantino non ha nascosto la sua rabbia ai microfoni di Tcf: “È una storia dai contorni incredibili, che in realtà va avanti da molti anni, come denunciano anche le società di pallacanestro che utilizzavano l’impianto ancora prima di noi. Da quando l’assessore Gallo ha sostituito Scattareggia ci sentiamo spesso sulla questione. Sembrava essere molto vicina la parola fine a tutte le problematiche dell’impianto ma nessuna risposta concreta è arrivata alle istanze sollevate da noi e oggi devo dire che mi sento persino preso in giro. Noi abbiamo sempre detto che una volta iniziata la stagione delle piogge il PalaTracuzzi sarebbe andato incontro ad inagibilità sicura perché il tetto privo di una minima impermeabilizzazione non riesce a contenere la pioggia. Era un intervento che non sarebbe costato troppo, circa 6.200 euro con una ditta resasi disponibile, che ha stilato un preventivo specifico. Avremmo anche effettuato i lavori direttamente noi ma dopo settimane la nostra proposta è stata bocciata proprio da chi adesso a danno compiuto ha dato avvio ai nuovi lavori. Non appena iniziati gli interventi sulla parte superiore della struttura gli operai hanno già rivenuto fori di circa cinque centimetri a dimostrazione che da 40 anni nessuno ha mai effettuato manutenzione del tetto. 

Fabrizio Costantino

Il presidente dell’Akademia Sant’Anna Fabrizio Costantino

Noi investiamo tanti soldini anche per permettere di fare sport a bambini autistici e ai ragazzi in carrozzina. È una mancanza di rispetto da parte dell’Amministrazione verso i tesserati. In questa stagione investiremo 250mila euro e ogni giorno dobbiamo sentirci tra noi dello staff per reperire un luogo dove allenarci in vista della ripresa del torneo. L’assessore Gallo recentemente ha detto che i lavori finiranno nel periodo di Natale con la sistemazione del parquet ma l’ingegnere Scandura sul punto non sapeva proprio nulla. Mercoledì verrà al campo e mi ha confermato che nessuna ditta è stata ancora chiamata per sistemare questi danni al parquet. Il danno è fatto: troppi listelli risultano infatti rovinati e si sono allargati assumendo una forma concava e pieni di spigoli con facili infortuni per un giocatore che recupera anche un semplice pallone da terra. Voglio ringraziare in maniera sentita chi in queste settimane ci ha garantito massima ospitalità nei propri palazzetti anche se noi necessitiamo di una struttura a completa disposizione per circa sei ore giornaliere tra sedute mattutine e pomeridiane. In particolare richieste sono arrivate da Barcellona o Lipari. È la conferma che in provincia le istanze delle società sono maggiormente ascoltate rispetto alla città e devo dire che per il prossimo anno sto valutando il trasferimento della squadra in un comune limitrofo. Il nostro obiettivo è centrare la serie A entro un biennio, un percorso difficile da conquistare per la presenza di tante compagini agguerrite e che da anni spendono cifre importantissime. Mi amareggia però vedere la lontananza del mio Comune da questa squadra”. 

RESTA SEMPRE AGGIORNATO

MessinaSportiva