Orlandina, Laquintana si sente a casa. “Siamo un bel gruppo!”

Tommaso Laquintana

Dopo una stagione trascorsa in prestito all’Angelico Biella, il playmaker di Monopoli Tommaso Laquintana ritorna in Sicilia e si avvia a disputare il suo primo campionato di Serie A con l’Orlandina. Nessuna pressione però, solo tanta voglia di crescere in un torneo zeppo di campioni e calcare nuovamente un parquet che già due anni fa gli regalò grandi emzioni. La società paladina non ha mai fatto mistero di puntare forte sul talento pugliese ed ha preferito, come prima scelta, orientarsi su un elemento di grande esperienza, come il macedone Vlado Ilievski che però, a 35 anni, dovrà certamente essere gestito e che coabiterà alla perfezione col ragazzo pugliese. si prospettano quindi tanti minuti per il giovane prodotto bianco blu, reduce da un’estate intensa trascorsa con le Nazionali giovanili. Laquintana, che è entrato nel suo terzo e ultimo anno di contratto con l’Orlandina è apparso in forma smagliante in questi primi giorni di preparazione al resort di Borgo Abacena a Tripi ed ha rilasciato queste prime impressioni.
“Quando dovevo tornare in Sicilia sull’areo da Bari ho avvertito grandi emozioni, ripensando a gioie e dolori del passato. So che la serie A è un campionato molto duro, sarà la prima volta. So cosa mi aspetta. Il livello sarà alto tecnicamente e fisicamente, dovrò sempre rimanere concentrato”.
A Capo d’Orlando ritroverà in primis Gianluca Basile, suo comgno già due anni fa. Ecco cosa si sono detti.
“Era felice di rivedermi e lo sono anch’io. Lui è oiginario delle mie parti, con lui mi trovai benissimo. Sono contento di averlo rivisto. Sono contento, avrò solo da imparare. Mi piace questo mix di giovani con voglia d’imparare e veterani che ha adottato la società con due stelle come Jasaits e Ilievski, credo che possiamo fare molto bene. Il rapèorto è molto bello”.
Prissimo test amichevole a Reggio Calabria con la Viola domenica poi ritorno al PalaFantozzi ed un abbraccio virtuale coi tifosi paladini.
“Non vedo l’ora perchè la gente di Capo d’Orlando non ha eguali, li ricordo calorosi come nessun’altra tifoseria. Pensiamo a Reggio e poi torneremo finalmente a casa”.

Commenta su Facebook

commenti

WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com