Ok Matera e Juve Stabia: tutto invariato in zona playoff. La Reggina vince e resta in corsa

La Juve Stabia celebra una delle tre marcature realizzate al San Filippo (foto Giovanni Isolino)

La penultima giornata della regular season nel girone C di Lega Pro fa registrare la caduta della già promossa Salernitana a Messina per 4-2. Sfumata la B diretta il Benevento ha messo in ghiaccio almeno il secondo posto con il successo per 0-1 a Cosenza. Al San Vito è decisivo Agyei, lesto ad approfittare di un pallone vagante per depositare al 31’ alle spalle di Ravaglia. Tutto invariato in zona playoff. Di misura anche il Matera, vittorioso per 1-0 contro il Melfi. Al 25’ l’episodio chiave: Perina atterra Carretta in area e viene espulso. Madonia dal dischetto sblocca il risultato. I lucani potrebbero poi raddoppiare, ma sprecano con Letizia e Carretta. La squadra di Auteri mantiene il terzo posto, appaiata alla Juve Stabia che ha faticato però oltremodo per piegare la Vigor Lamezia. Bombagi regala il vantaggio alle “vespe” al 30’. Al 52’ l’1-1 di Di Bella, su corner di Improta. Ripa firma quindi il 2-1 al 57’, prima del nuovo pareggio calabrese con Montella all’89’. Sembra finita, ma i campani pescano il jolly con Nicastro al 91’, a segno con un gran tiro da fuori area. Gomez su rigore, al 94’, per il definitivo 4-2.

David Di Michele

David Di Michele

Poker anche della Casertana ai danni del Savoia e “falchetti” sempre a meno uno dalla zona playoff. Apre le marcature Murolo al 29’. Partipilo al 49’ fa 1-1, ma la squadra di Campilongo non si scompone e dilaga con Mancosu al 53’, Cissè al 63’ e ancora Murolo al 69’. Oplontini in 10 per il rosso a Sanseverino e travolti 4-1 al “Pinto”. Per evitare la retrocessione diretta il Savoia dovrà ora cercare di battere il Messina nell’ultima giornata, al fine di scongiurare un sorpasso in extremis da parte della Reggina che, dopo essere tornata in corsa grazie al robusto sconto sulla penalizzazione, ha superato 3-1 il Catanzaro al “Granillo”. Al 42’ vantaggio amaranto con Viola, complice un’uscita a vuoto di Migani. Razzitti al 63’ riequilibra il match. Al 70’ ci pensa Di Michele, in gol di testa su cross di Insigne. All’84’ il tris di Maimone. Reggina ad un solo punto dal penultimo posto e quindi dai playout a 90′ dal termine.

Il tecnico del Lecce Alberto Bollini

Il tecnico del Lecce Alberto Bollini

Netto successo del Lecce sull’Ischia con un grande protagonista: Doumbia. Il francese sigla la tripletta (18’, 20’ e 56’) che spazza via gialloblù, in 10 dal 29’ per il rosso a Gerevini. Vittoria che sembra però inutile per i salentini in chiave playoff. L’Ischia si fa invece scavalcare al quartultimo posto dall’Aversa Normanna. La squadra di Marra vince 0-2 ad Aprilia contro una Lupa Roma già salva. Sugli sviluppi di un corner insacca al 16’ Cossentino, mentre raddoppia al 69’ Mangiacasale. Pari a reti bianche tra Paganese e Martina e tutti contenti, con gli azzurrostellati che festeggiano la salvezza potendo contare sugli scontri diretti favorevoli rispetto al Messina, staccato di tre punti. Derby pugliese al Foggia, 0-1 a Barletta con match-winner Sarno al 71’ direttamente su punizione.

Commenta su Facebook

commenti