Il Messina vuole tornare a correre contro la Casertana, un’aspirante big

Messina-Casertana 2013-2014, l'esultanza di Ferreira per il gol in apertura

Al San Filippo torna la sfida tra Messina e Casertana ed il pensiero torna all’ultima, trionfale, “giornata giallorossa” ed al primato in Seconda Divisione soffiato ai campani proprio in extremis. Contro un avversario a secco di vittorie in riva allo Stretto da oltre 20 anni i peloritani vogliono una volta per tutte scacciare i fantasmi originati dal doppio passo falso con Matera e Paganese, coinciso con un preoccupante passo indietro sul piano del gioco e della personalità. Confermato il 3-5-2, dal momento che non vi è possibilità di sperimentare.

Giorgio Corona contesta una decisione arbitrale

Giorgio Corona contesta una decisione arbitrale

È emergenza in difesa, con Grassadonia costretto ad arretrare Nigro al centro di una difesa priva degli squalificati Altobello e Silvestri. Affiancherà Stefani ed Enrico Pepe. In mezzo si rivedrà Bucolo, al fianco di Damonte ed Izzillo. Sulle corsie spazio a Donnarumma e Benvenga, in avanti all’inedita coppia composta da Orlando e Bonanno, ’95 che aveva bene impressionato nel pre-campionato. Dovrebbero partire dalla panchina l’acciaccato De Bode, capitan Corona – voglioso di tornare a timbrare il cartellino a gara in corso – e Vincenzo Pepe, ancora non al top della forma.

È stato proprio “Re Giorgio” a suonare la carica nel post-gara a Pagani: “I nostri avversari hanno dimostrato di avere più fame. È un momento negativo ma dobbiamo uscirne al più presto. D’altronde da una situazione simile ci siamo passati anche l’anno scorso e ricordate tutti come è andata. Questa maglia è importante, dobbiamo fare capire quanto pesa anche ai nuovi ed ai più giovani”. Se lo augura un’intera tifoseria, che spera di replicare presto una festa simile a quella del “Granillo”, dove è maturato il primo successo stagionale contro i dirimpettai reggini.

Se i biancoscudati si fasciano la testa per i problemi della retroguardia, Gregucci è in pensiero per un centrocampo privo di ben quattro pedine. Sono out infatti il talentuoso Mancino, a segno dal dischetto nell’ultimo Messina-Casertana, Marano, Agodirin e Cruciani, mentre Mattera è ai box ormai da due mesi. I rossoblu si affideranno quindi alla classe di Carrus, alla verve di Mancosu junior – per la verità in ombra fin qui – ed al colored Cissè, principale terminale del 4-2-3-1 varato dall’ex assistente di Mancini al Manchester City.

Clicca qui per il dettaglio relativo ai precedenti.

Clicca qui per la presentazione della Casertana, curata dal collega campano Armando Serpe.

Clicca qui per rivedere le interviste video della vigilia ai tecnici Grassadonia e Gregucci ed all’ex D’Alterio.

Commenta su Facebook

commenti