Messina in vantaggio nei precedenti ad Acireale. Un anno fa vittoria granata con Cocimano

AcirealeL'Acireale fa festa: bissato il successo dell'andata

Il bilancio delle sfide di campionato disputate in casa dell’Acireale vede il Messina leggermente in vantaggio: sei vittorie contro le cinque dei granata e sei pareggi. La serie dei precedenti è aperta dal successo in rimonta per 2-1 conseguito dai peloritani nel lontano campionato di C 1946-47 (36′ Raciti, 52′ e 65′ Caltagirone). Quindi le due affermazioni dell’Acireale del 1947-48 (1-0) e 1948-49 (2-1). Messina ancora “corsaro” nel 1949-50 (1-0 firmato Della Casa) e nel 1969-70 (gol di Luppi al 32′ contro l’allora Acquapozzillo Acireale). Pari nel 1970-71 (0-0), 1971-72 (1-1, reti di Frieri e Crimi) e 1972-73 (1-1, Pittofrati su rigore e Guida).

Salvatore Cocimano

Salvatore Cocimano, oggi al Messina, con la maglia dell’Acireale

La sfilza di “X” si spezzò nel 1974-75, complice un’autorete del messinese Onor che consentì ai padroni di casa di imporsi. Nella stagione seguente 1-0 per gli ospiti con gol di Hellies. Nel 1977-78, poi, 0-0 in Serie D. Il 21 febbraio 1993 finì 2-0 per i granata, grazie alle reti di Nuccio al 69′ e Chico all’88’. Al termine di quel campionato l’Acireale ottenne la promozione in B, nonostante la sconfitta nello spareggio con il Perugia (successivamente punito per illecito sportivo), mentre il Messina piombò tra i Dilettanti, a causa del fallimento societario. Tutto diverso il 16 aprile 2000, quando ai giallorossi guidati da Stefano Cuoghi bastò un pari a reti bianche al “Tupparello” per centrare matematicamente la promozione in C1, con quattro giornate d’anticipo rispetto alla conclusione del campionato.

L’attaccante milanese Roberto Chiaria in gol nel 2013 ad Acireale (foto Luca Maricchiolo)

Il 7 novembre 2010 altro 0-0, con di scena il Messina guidato da Loris Beoni. Ben tre le espulsioni, a carico di Lo Piccolo e Sorrentino per l’ACR e di Seck tra i padroni di casa. Il 12 febbraio 2012 blitz ospite per 1-0, grazie al preciso diagonale all’8′ di Totò Cocuzza. Quel successo ottenuto dalla squadra di Bertoni arrivò dopo un lunghissimo digiuno di vittorie in trasferta, durato addirittura un anno. Il 6 gennaio 2013 altro 1-0, firmato questa volta da Chiaria, lesto ad approfittare al 37′ di una corta respinta di Pandolfo. Un altro passo importante verso la promozione tra i professionisti raggiunta a fine stagione dal gruppo di Catalano. Il 14 febbraio 2018, infine, fu Cocimano, oggi al Messina, a decidere il confronto in favore dell’Acireale, allora guidato da Pietro Infantino. Del centrocampista la rete dell’1-0 al 70′ che mandò ko i giallorossi allenati da Giacomo Modica dopo oltre due mesi di imbattibilità.

Commenta su Facebook

commenti