Messina, otto gol nel test con la “Berretti”. A segno anche Bjelanovic

La delusione di Sasa Bjelanovic

Un Messina galvanizzato dai tre risultati utili consecutivi punta adesso a sfruttare il calendario per risalire ancora in classifica. Il Melfi in trasferta, il Foggia da affrontare al “San Filippo”, poi nell’ordine Cosenza, Aversa e Martina, tutte formazioni, almeno sulla carta, alla portata di Corona e compagni. Il test infrasettimanale con la formazione “Berretti”, utile per effettuare le prove generali in vista della gara di sabato all’Arturo Valerio, ha offerto note positive. Grassadonia ha fatto ruotare tutti gli elementi a sua disposizione nel corso della partitella terminata sul risultato di 8-0. In campo anche l’attaccante Bjelanovic che ha finalmente smaltito l’infortunio che lo ha frenato in questo avvio di stagione. Il croato ha disputato la seconda parte del test, realizzando anche un gol. Sono andati a segno, inoltre, Bucolo, De Bode, Izzillo, Orlando, Damonte (doppietta) e Bonanno. Assenti, invece, Benvenga (comunque out a Melfi per squalifica), Nigro ed Enrico Pepe, che avevano saltato la sfida casalinga con la Vigor Lamezia. Giovedì una sessione di allenamento pomeridiana nella marcia d’avvicinamento alla gara in terra lucana.

Benvenga, costretto a saltare anche la gara di Melfi

Benvenga, costretto a saltare anche la gara di Melfi

All’Arturo Valerio, nel corso del superlativo girone di ritorno dello scorso torneo che portò i peloritani a chiudere al primo posto, maturò però una sconfitta di misura, originata dal centro di Marolda al 19′ del primo tempo. E’ quello l’unico precedente in casa dei gialloverdi tra le due compagini. Sabato il Messina ritroverà inoltre da avversari Marco Guerriera e Salvatore Caturano. Il laterale, che ha collezionato 48 presenze e tre gol in campionato con i giallorossi, è stato tra i protagonisti della doppia scalata dalla D alla Lega Pro unica. L’attaccante, condizionato da un infortunio, mise insieme nove apparizioni ed una rete nel passato torneo. Il Melfi è abbonato al segno “X”, avendo curiosamente pareggiato sette delle nove gare fin qui disputate. La squadra di Bitetto, a caccia della sua prima affermazione, è però allo stesso tempo un cliente non facile, come dimostrano le prove contro Salernitana e Benevento. Per questo il prossimo esame è per il Messina un nuovo passaggio chiave.

Commenta su Facebook

commenti